Rallenta la crescita cinese, ma i consumi migliorano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Rallenta la crescita cinese, ma i consumi migliorano

cina_economiaIl rallentamento dell’economia cinese tiene in apprensione anche l’Europa. L’effetto traino, che sta coinvolgendo i vicini paesi emergenti, sta infatti mostrando ripercussioni negative sul commercio estero dell’Eurozona, compreso quello della “locomotiva” Germania (e dell’Italia, considerato il recente calo delle vendite verso Pechino del 9,2%).
Tuttavia, per quanto l’economia rallenti, il Pil cinese ha registrato risultati migliori del previsto. Il terzo trimestre dell’anno fa segnare un aumento del 6,9%, che è sì il tasso di espansione più lento dal 2009, ma allo stesso tempo è un dato lievemente migliore delle attese degli analisti che prevedevano una crescita del 6,8% (l’obiettivo del governo resta il 7% strutturale).
Una diminuzione maggiore avrebbe potuto imporre alle autorità cinesi un cambio di rotta imminente, ad esempio l’adozione di misure più incisive nei prossimi mesi, mentre ora è presumibile che il dato induca Pechino a ostentare ancora ottimismo, rappresentando una buona quota di crescita mondiale.
Certo, a preoccupare è soprattutto la produzione industriale, indicatore fondamentale per comprendere meglio l’andamento di un’economia. La produzione industriale della Cina ha registrato una crescita annua del 5,7% a settembre (sotto le stime che l’attestavano al 5,9%), mentre nel mese di agosto l’incremento era stato del 6,1%. Anche gli investimenti, dato non trascurabile, sono cresciuti meno delle attese: +10,3%.
Eppure un elemento che può rassicurare Pechino effettivamente c’è. Oltre le dinamiche che stanno delineando un percorso meno virtuoso delle economie cosiddette emergenti, la Cina in particolare, dopo anni di crescita elevata, ha iniziato a sperimentare un nuovo modello di sviluppo, volto ora a premiare più i consumi interni che le esportazioni, autentico traino per la Cina in questi anni di espansione economica. In questo senso avanza la fase di riequilibrio e l’elemento positivo giunge proprio dalle vendite al dettaglio, che risultano nel mese di settembre in aumento del 10,9% mentre la stima era +10,8%.
Il trend altalenante dei paesi emergenti, Cina su tutti, ha indotto tuttavia i diversi organismi – dalla Banca mondiale al Fondo monetario internazionale – a rivedere al ribasso le stime di crescita globale per il 2015. Nel caso dell’economia cinese secondo l’agenzia Fitch Pechino rallenterà ancora nel 2016, con il Pil che crescerà del 6,3% (dal 6,8% del 2015). Nel 2017 la crescita potrebbe frenare ulteriormente fino al 5,5%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Biden proroga lo stato di emergenza negli Usa

«La pandemia di Covid-19 continua a rappresentare un rischio significativo per la salute pubblica e la sicurezza della nazione. È essenziale continuare a combattere e…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo 112,5 milioni di casi

Sono saliti a 112.553.181 i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo, (+443.427 rispetto a ieri). I morti invece, hanno raggiunto quota 2.487.406 (+11.972…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Francia: «Tampone molecolare anche per i transfrontalieri»

«La deroga dall’obbligo di presentare un tampone molecolare effettuato non più di 72 ore prima dell’ingresso sul territorio nazionale sarà limitata alle sole attività professionali.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina i casi sono aumentati del 40% nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore i casi di coronavirus in Ucraina sono cresciuti del 40%, facendo registrare più di 8mila nuovi casi.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia