L’Oms e il consumo di carne rossa | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Oms e il consumo di carne rossa

junk-foodDopo anni di dibattiti sul tema, la conferma arriva dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC): le carni rosse lavorate (tipo salsicce o wurstel) sono cancerogene e vanno inserite nel gruppo 1, quello che racchiude i cancerogeni certi. Al pari, per dirla diversamente, di fumo e benzene. Una decisione, ora ufficiale, che è stata presa a seguito di un’accurata analisi degli studi condotti in materia. Il rischio, infatti, si deve soprattutto al trattamento industriale e all’utilizzo di sostanze conservanti. Diversamente, le carni rosse non lavorate (ad esempio manzo, agnello e maiale) sono classificati come “probabili” cancerogeni, quindi nel gruppo 2.
Nel caso in cui la notizia dia oltremodo pensiero, è necessario chiarire – a farlo, a dire il vero, è la stessa IARC – che “prima di preoccuparsi, è importante sapere non solo in che lista si trova una certa sostanza ma quali sono i dosaggi e le durate d’esposizione oltre le quali il rischio diventa reale e non solo teorico”. Già, perché “le liste compilate dallo IARC raggruppano le sostanze sulla base del livello di cancerogenità dimostrato in studi scientifici. L’ingresso nella lista richiede che siano disponibili i risultati di studi di laboratorio e, se disponibili, anche di studi epidemiologici sull’uomo. Tali studi vengono eseguiti ad altissimi dosaggi o con durate d’esposizione molto lunghe, difficilmente replicabili nella vita reale”.
La carne rossa, in generale, è un alimento che è stato già abbastanza “scartato” dalle famiglie italiane. A causa della crisi, più che altro, ma anche da una cultura più salutista. Sul fronte economico tale situazione ha riguardato non solo il nostro paese: secondo un’indagine SWG più di due famiglie su tre in Europa hanno ridotto i consumi di proteine. Stando invece ad alcune recenti rilevazioni di Tecnè il 42% delle famiglie italiane ha ridotto la qualità dei prodotti acquistati negli anni della crisi, soprattutto quelli di fascia alta. Perciò, dal 2007 ad oggi, sono calati del 19% tra gli altri gli acquisti di carne bovina. Eppure altre ricerche hanno evidenziato una solida propensione a sborsare di più per i cibi bio o indicati per le diete di tipo vegetariano o vegano, a conferma del successo delle nuove tendenze salutiste.
Un occhio alla salute e uno al portafogli: considerando il dosaggio (il consumo di 50 grammi di carne lavorata al giorno dovrebbe aumentare i rischi del 18%, sembra) non c’è motivo di creare eccessivi allarmismi. Quello che si richiede è nient’altro che un’adeguata attenzione ai consumi, in definitiva.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia