L’impatto del Terzo Settore | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’impatto del Terzo Settore

call_center_live_chatIl premier Matteo Renzi ha promesso in queste ore un’accelerazione nel 2016 sul fronte dei diritti, un capitolo che, nel suo complesso, include anche il Terzo Settore. Il Terzo Settore viene così inserito tra le priorità su cui intervenire il prossimo anno, sebbene si dica spesso essere in verità il “primo” settore in Italia per l’impatto che ha sulla nostra economia.
Di certo il Terzo Settore, come qualsiasi attività economica, necessita di un processo di modernizzazione che ne accresca il grado di efficienza. In altre parole significa sviluppare ulteriormente un ambito che già rappresenta un’eccellenza nostrana.
Le indagini e le ricerche al riguardo sono diverse. L’Istat ha “censito” (anno di riferimento il 2011) 301.191 organizzazioni per un totale di 957.124 addetti e ha rilevato entrate per 64 miliadi, di cui nella maggior parte dei casi provenienti da privati.
Le imprese sociali (si tratta di un’impresa privata che svolge normale attività, ma che presenta alcune peculiarità che le contraddistingue dalle altre e opera in specifici segmenti quali istruzione e formazione, tutela dell’ambiente, valorizzazione del patrimonio culturale, turismo sociale, ricerca, assistenza sociale e sanitaria) sono all’incirca centomila, con oltre 700 mila occupati (sei milioni, invece, gli utenti serviti).
Insomma, il Terzo Settore mostra un notevole impatto economico e occupazionale oltre che per sussidiarietà e bene comune. Stando al recente Rapporto I. t. a. l. i. a. – Geografie del nuovo made in Italy diffuso da Unioncamere, Fondazione Edison, Fondazione Symbola e Aiccon, il Terzo Settore incide per il 3,4% del Pil.
Secondo un altro studio, stavolta il rapporto dell’Euricse sulla cooperazione in Italia che tiene conto anche dei consorzi, nel 2013 le cooperative italiane hanno prodotto 90,7 miliardi di euro, contribuendo alla creazione di nuovi posti di lavoro stabili: il 68,1% delle posizioni attivate dalle cooperative e il 61,4% di quelle attivate dai consorzi sono di tipo dipendente a tempo indeterminato.
Ma c’è di più. Ciò che emerge dal Rapporto I. t. a. l. i. a. è che senza il contributo del Terzo Settore l’Italia non potrebbe contare sugli stessi livelli di welfare. Sul fronte degli occupati, poi, il nostro paese ha il primato per addetti sul totale dell’economia. Siamo sopra Francia, Spagna, Germania e Regno Unito.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia