La lenta ripresa dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

La lenta ripresa dell’Eurozona

16937285493_5655691493_bL’Eurozona continua a crescere, ma lo fa moderatamente. Nel terzo trimestre l’aumento del Pil è stato dello 0,3%, grazie soprattutto all’incremento nei consumi, sia pubblici sia privati. Nell’ultima edizione del report EY Eurozone Forecast (EEF) il Pil dell’area dell’euro raggiungerà un’espansione dell’1,5% a fine 2015, che salirà poi all’1,8% nel 2016 e nel 2017.
Lo stesso studio, inoltre, prevede una crescita del 2,4% nel 2016 degli investimenti, che se confermato risulterà l’aumento più consistente dal 2007. La stima è confortante molto più che la dinamica degli investimenti nel secondo trimestre, osserva l’Istat nella nota mensile sull’andamento dell’economia, è risultata stagnante.
Il rallentamento delle economie emergenti e le tensioni internazionali hanno provocato una frenata delle esportazioni, mentre le importazioni hanno registrato un trend diametralmente opposto, il che ha determinato un contributo netto negativo alla crescita.
In compenso la produzione industriale è cresciuta nel mese di ottobre (+0,6% su base congiunturale), sostenuta – spiega l’Istat – “dalle dinamiche positive dei beni di consumo durevoli (+1,9%) e dei beni capitali (+1,4%)”. Il Purchasing Managers Index (PMI) manifatturiero ha fatto segnare a dicembre un nuovo aumento, attestandosi a 53,1 punti dai 52,8 punti di novembre (ai livelli massimi in 20 mesi).
Le vendite al dettaglio sono diminuite tanto a settembre quanto a ottobre (-0,1% in entrambi i casi), ma nel complesso i consumi sono stati sostenuti dalla crescita dell’occupazione. Che però non mostra segnali netti di accelerazione, in linea con l’andamento del Pil.
Il numero di occupati nell’Eurozona, infatti, è cresciuto dello 0,3% nel terzo trimestre 2015 rispetto al secondo, mentre nell’Ue28 è aumentato dello 0,4%. Sull’anno l’occupazione è cresciuta dell’1,1%. È in Italia che il tasso di occupazione è risultato in aumento più della media dell’area dell’euro, se il confronto è su base congiunturale (+0,4%). Non va così bene su base annua, con un incremento dello 0,9%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia