Rallenta l’attività manifatturiera dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Rallenta l’attività manifatturiera dell’Eurozona

impresa manifatturieraL’attività economica dell’Eurozona resta in territorio positivo, ma cresce ad un ritmo più lento rispetto ai mesi conclusivi del 2015. Infatti l’indice PMI (Purchasing Managers Index) elaborato da Markit (si tratta, ad ogni modo, di dati preliminari) si attesta a 53,5 punti nel mese di gennaio, in discesa dai 54,3 di dicembre (indice composito, ovvero un giudizio sintetico del settore manifatturiero e dei servizi).
A cosa è dovuta questa lieve flessione? A diversi fattori, quali le turbolenze finanziarie e la guerra dei prezzi del petrolio, circostanze che stanno provocando un effetto negativo sulla crescita. In sostanza l’euro debole e il calo generale dei prezzi non stanno sostenendo adeguatamente la domanda, così l’attività economica rallenta.
La Bce aveva già avvertito sui rischi al ribasso (dalle incertezze legate alle questioni geopolitiche a quelle relative alle prospettive di crescita mondiale), ma a destare preoccupazione è soprattutto la bassa inflazione.
L’indice PMI dei servizi è così sceso al minimo di un anno, vale a dire a 53,6 punti dai 54,2 del mese precedente. L’indice manifatturiero è calato a gennaio, invece, a 52,3 dai 53,2 punti di fine 2015. Questi dati, in ogni caso, rappresentano una fase di espansione. La soglia base dei 50 punti, infatti, separa la crescita dalla contrazione.
Anche in Germania, prima economia europea, l’attività ha registrato un rallentamento pur attestandosi ben al di sopra dei 50 punti. A gennaio l’indice PMI composito raggiunge i 54,5 punti, in calo dai 55,5 di dicembre 2015. Nello specifico quello manifatturiero è sceso a 52,1 punti da 53,2 (il livello più basso degli ultimi tre mesi). Andamento analogo per quello dei servizi: da 56 punti risulta ora in calo a 55,4 punti.
In Francia, al contrario, l’indice è tornato a crescere, trainato soprattutto dal settore dei servizi che ha registrato buone performance dopo il rallentamento causato dagli attentati di Parigi del 13 novembre. In questo modo l’indice composito è aumentato raggiungendo i 50,5 punti, dopo essersi attestato a 50,1 a dicembre. Il manifatturiero, dopo quattro mesi in espansione, è sceso a 50 punti da 51,4. I servizi, appunto, che a dicembre erano risultati in contrazione, sono tornati in espansione a 50,6 punti, qualche decimale sopra le attese.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia