In crescita le imprese straniere in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

In crescita le imprese straniere in Italia

stranieraI dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere-InfoCamere certificano la vitalità dei lavoratori stranieri presenti in Italia. Dal 2010 al 2015 il numero delle imprese aperte dai cittadini provenienti da Paesi extra UE è cresciuto di 100mila unità.
Ad oggi le società individuali di lavoratori extra-comunitari sono 350mila, la maggior parte delle quali è attiva nel commercio (161.313), nelle costruzioni (75.742) e nel comparto manifatturiero (29.240).
Contemporaneamente all’aumento delle imprese aperte dai cittadini extra-comunitari registrato lo scorso anno (+22mila), l’ISTAT ha certificato che nel 2015 il tasso di occupazione tra i cittadini stranieri è cresciuto in modo meno consistente rispetto a quanto avvenuto tra i lavoratori italiani (+0,4% per i primi contro un +0,6% per i secondi), mentre la riduzione del tasso di disoccupazione è stata più lieve (-0,7 rispetto a -0,8%).
Ma a quanto ammonta il salario medio di un lavoratore straniero in Italia? Secondo uno studio della Fondazione Leone Moressa, in media un dipendente straniero guadagna 987 euro mensili: circa 300 euro in meno rispetto a quanto percepito da un italiano (-22,9%).
Il rapporto osserva che molto dipende dalla regione dove si lavora (gli stipendi riconosciuti al Nord sono più consistenti di quelli delle regioni meridionali), dal genere (i dipendenti stranieri di sesso maschile percepiscono un salario mensile mediamente più alto delle donne: 1.135 contro 797 euro) e dal settore di attività: i lavoratori stranieri nel settore dei trasporti sono quelli che guadagnano di più (1.348 euro).
Contrariamente a quanto accade tra gli occupati italiani, il titolo di studio e la classe di età non influiscono significativamente sui livelli retributivi dei lavoratori stranieri.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia