A febbraio consumi in lieve crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

A febbraio consumi in lieve crescita

carrelloA febbraio l’indicatore dei consumi della Confcommercio (ICC) è tornato a crescere dopo la variazione nulla di gennaio e il calo dello 0,1% di dicembre 2015. Continua a così la ripresa altalenante che sta interessando l’Italia già vista attraverso altri indicatori, come quelli relativi al mercato del lavoro o quelli del commercio con l’estero.
Osservando i dati relativi alle varie mensilità del 2015 (da marzo a dicembre) e del 2016 (gennaio e febbraio), si nota infatti come l’indicatore sia stato interessato da un continuo sali-scendi nel corso dell’anno: a qualche mese in cui l’indicatore si mostrava in crescita ne seguiva sempre uno caratterizzato da un segno “meno”. La nota storica diffusa dalla Confcommercio segnala infatti otto mesi in positivo – marzo (+0,1%), aprile (+0,8%), giugno (+0,1%), luglio (+0,5%), settembre (+0,1%), novembre (+0,3%) e febbraio 2016 (+0,3%) – e quattro mesi in contrazione – maggio (-0,1%), agosto (-0,2%), ottobre (-0,3%) e dicembre (-0,1%) – a cui si aggiunge la variazione nulla di gennaio 2016.
L’aumento dello 0,3% registrato a febbraio è il risultato della crescita dello 0,1% riportata dai servizi e dello 0,3% dei beni. Entrando nel dettaglio si osserva una variazione nulla per i consumi di beni e servizi ricreativi; per alberghi, pasti e consumazioni fuori casa; e per i consumi di alimentari, bevande e tabacchi (esclusi questi ultimi si registra invece un +0,1%). I consumi di beni e servizi per la mobilità hanno messo a segno la crescita più consistente, +2,3%; seguiti dal +0,3% dei beni e servizi per le comunicazioni, dal +0,2% dei beni e servizi per la cura della persona e dal +0,1% dell’abbigliamento e delle calzature. Scendono dello 0,5% i consumi di beni e servizi per la casa.
Dal punto di vista tendenziale il 2016 sembra esser partito con il piede giusto: dopo il +1,3% di dicembre 2015 e il +1,1% di gennaio 2016, febbraio è stato interessato da un aumento dell’1,4% (nel complesso il 2015 ha visto crescere i consumi dell’1,3% in seguito al -0,7% del 2014.
Il risultato dell’ultimo mese considerato dalla Confcommercio è legato maggiormente alla crescita riportata dai beni (+1,5%) e in misura lievemente minore dai servizi (+1,2%). Anche nel confronto annuale si rileva un’ottima performance per i consumi di beni e servizi per la mobilità, +10,1%, e un aumento più lieve per alberghi, pasti e consumazioni fuori casa, 1,3%. I consumi di beni e servizi per le comunicazioni sono cresciuti dello 0,6%, quelli di abbigliamento e calzature dello 0,7%, mentre beni e servizi per la cura della persona hanno riportato un +0,2%. Alimentari, bevande e tabacchi riportano invece un lieve +0,1% mentre perdono quota beni e servizi ricreativi, -0,1%, e beni e sevizi per la casa -1,1%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.341.755. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha ucciso 6,7 milioni di persone

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha causato la morte di 6,7 milioni di persone in tutto il mondo, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione,…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia