Referendum, Renzi: “La demagogia non paga. Ha perso chi voleva la conta” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Referendum, Renzi: “La demagogia non paga. Ha perso chi voleva la conta”

“Qualche consigliere regionale, qualche presidente di regione, tutti coloro che ora faranno una esibizione e diranno di aver vinto nonostante abbiano perso, chi ha voluto questa consultazione solo per fare una conta interna e a scopi personali. La demagogia non paga”. È stato il commento del premier Matteo Renzi in seguito al referendum. “Il governo non si ascrive tra i vincitori – ha aggiunto – e che chi ha votato merita rispetto ma il risultato è netto, chiaro. Bisogna festeggiare, alzare i calici per quei lavoratori che non hanno perso il posto di lavoro. Eppure ho sofferto per la scelta del non voto, una scelta decisa per non mandare in crisi un intero settore, ma il premier sta dove si rischia anche un posto di lavoro. Invece di sprecare 300 milioni per un referendum che si poteva evitare le regioni pensino ai depuratori, non possiamo accettare lezioni da chi pensa alle piattaforme e poi si disinteressa della raccolta differenziata”.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo»

«La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo. Il mondo può e quindi deve fermare il terrore russo». Lo ha scritto su…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia