Export extra-Ue di nuovo in calo a marzo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export extra-Ue di nuovo in calo a marzo

export2A marzo, secondo quanto rilevato dall’Istat, le esportazioni verso i Paesi al di fuori dell’Unione europea hanno riportato una lieve contrazione, invertendo la tendenza rispetto al mese precedente ma confermando l’andamento altalenante che ha interessato questi ultimi mesi. Dalle tabelle che accompagnano il resoconto dell’Istituto nazionale di statistica, relative alle serie storiche, si osserva infatti che, mentre a marzo le esportazioni extra-Ue hanno riportato un +3,1% congiunturale, a gennaio si è registrata una flessione di ben 6,4 punti percentuali. Stiamo parlando d un sali-scendi che ha interessato anche l’intero 2015, quando a sette mesi di crescita (febbraio +3,4%, marzo +3,7%, maggio +0,5%, luglio +1%, settembre +5,5%, novembre +3,5% e dicembre +0,7%) si sono contrapposti cinque di cali (gennaio -1,5%, aprile -3,1%, giugno -2,3%, agosto -8,5% e ottobre -1,8%).
L’indebolimento di marzo non ha interessato però solo le vendite italiane verso l’estero, ma anche gli acquisti. Stando alle rilevazioni, infatti, l’indicatore ha riportato un -2%, confermando l’andamento degli ultimi tre mesi (-2,7% a dicembre 2015, -3,8% a gennaio 2016 e -0,2% a febbraio).
Alla luce dei dati appena visti, di conseguenza, entrambi i flussi hanno riportato contrazioni congiunturali anche estendendo il periodo di riferimento al trimestre gennaio-marzo 2016: rispetto al quarto trimestre del 2015, infatti, le esportazioni extra-Ue sono diminuite del 2,9%, le importazioni del 6,3%.
Male se si guarda anche al confronto tendenziale. Rispetto allo stesso mese dello scorso anno l’export ha riportato un -5,2%, l’import un -11%. Osservando l’andamento delle vendite verso i principali partner commerciali si nota che la contrazione maggior ha interessato quelle verso i Paesi MERCOSUR, interessati da un -28,2%, quelle verso l’area Opec, -21,6%; e quelle verso la Turchia, -11%. Continuano a scendere le vendite verso la Cina mentre rallenta la caduta di quelle verso la Russia, -0,9% (crollate da maggio in poi in seguito alle sanzioni Ue e al relativo embargo). Confermano la crescita Stati Uniti e Giappone: +11,3% e +9,5%.

 

Scrivi una replica

News

Ue, rinnovato regime di sanzioni contro Isis e al-Qaeda

Il Consiglio dell’UE ha rinnovato oggi il regime di sanzioni contro l’Isis e al-Qaeda (che consistono tra le altre cose in un congelamento dei beni…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nell’Ue, tra marzo e giugno, 168mila decessi in più rispetto alla media»

Tra marzo e giugno 2020, nei 26 Paesi dell’Unione europea che hanno reso disponibili i dati, sono stati registrati 168mila decessi in più rispetto al…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Spadafora: «Su palestre, piscine e centri sportivi prevalsa scelta di buon senso»

«Palestre, piscine e centri sportivi restano aperti!». Ill ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, ha commentato così le misure contenute nell’ultimo…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo i contagi hanno superato i 40 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 40.076.184 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia