Lavoro: disoccupazione di nuovo in calo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: disoccupazione di nuovo in calo

lavoro_disoccupazioneDopo il calo di febbraio 2016 (-0,4%, pari a -87 mila), a marzo la stima degli occupati sale dello 0,4% (+90 mila persone occupate), tornando ai livelli di gennaio. L’aumento riguarda sia i dipendenti (+42 mila i permanenti e +34 mila quelli a termine) sia gli indipendenti (+14 mila). La crescita degli occupati coinvolge uomini e donne e si distribuisce tra tutte le classi d’età ad eccezione dei 25-34enni. Il tasso di occupazione, pari al 56,7%, aumenta di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente. È quanto rileva l’Istat nella consueta pubblicazione su occupati e disoccupati mensili.
I movimenti mensili dell’occupazione determinano, nei primi tre mesi del 2016, una sostanziale stabilità del livello degli occupati (+0,1%, pari a +17 mila) rispetto ai tre mesi precedenti. L’unica componente che mostra una crescita congiunturale significativa è quella dei dipendenti permanenti, che aumentano dello 0,5% sul quarto trimestre del 2015 (+72 mila). La stima dei disoccupati a marzo registra una diminuzione (-2,1%, pari a -63 mila), il calo riguarda uomini e donne. Il tasso di disoccupazione è pari all’11,4%, in calo di 0,3 punti percentuali su febbraio.
A marzo la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni cala dello 0,3% (-36 mila). La diminuzione è determinata quasi esclusivamente dalle donne e riguarda le persone di 25 anni o più. Il tasso di inattività scende al 35,9% (-0,1 punti percentuali). Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo gennaio-marzo 2016 si registra un calo dei disoccupati (-0,5%, pari a -15 mila) e degli inattivi (-0,3%, pari a -43 mila). Su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+1,2%, pari a +263 mila), che coinvolge soprattutto gli over 50. Sono in calo sia i disoccupati (-8,6%, pari a -274 mila) sia gli inattivi (-0,9%, pari a -125 mila).

Differenze di genere
A marzo 2016 la crescita degli occupati rispetto al mese precedente interessa uomini (+0,3%) e donne (+0,6%). Il tasso di occupazione aumenta di 0,2 punti percentuali tra i maschi arrivando al 65,9% e di 0,3 punti per le femmine facendo registrare il 47,6%. La diminuzione della disoccupazione nell’ultimo mese riguarda sia gli uomini (-2,1%) sia le donne (-2,2%). Il tasso di disoccupazione maschile cala di 0,2 punti percentuali attestandosi al 10,9%,
mentre diminuisce di 0,3 punti quello femminile arrivando all’11,9%.
Il calo degli inattivi tra i 15 e i 64 anni nell’ultimo mese è determinato quasi esclusivamente dalla componente femminile (-0,4%). Il tasso di inattività resta stabile al 25,8% tra gli uomini, mentre per le donne si attesta al 45,8% (-0,2 punti percentuali).
Nella media del periodo gennaio-marzo 2016, tra gli uomini il tasso di occupazione e di quello di inattività sono stabili a fronte della diminuzione del tasso di disoccupazione (-0,1 punti percentuali). Per le donne, nello stesso periodo, aumenta il tasso di occupazione (+0,1 punti), rimane stabile quello di disoccupazione e diminuisce il tasso di inattività (-0,2 punti).Nel confronto con marzo 2015, il tasso di occupazione cresce sia per gli uomini (+0,9 punti percentuali) sia per le donne (+0,8 punti). Sempre su base annua, il tasso di disoccupazione cala per gli uomini (-0,7 punti) e per le donne (-1,5 punti). Il tasso di inattività è in calo per la componente maschile (-0,4 punti), mentre è stabile per quella femminile.

Occupazione dipendente e indipendente
La crescita occupazionale nel mese di marzo 2016 è determinata sia dai dipendenti sia dagli indipendenti. La stima dei dipendenti a marzo cresce dello 0,4% (+75 mila). L’aumento coinvolge sia i dipendenti a tempo indeterminato (+0,3%, pari a +42 mila), che recuperano parzialmente il calo registrato a febbraio, sia quelli a termine (+1,5%, pari a +34 mila), che tornano a crescere dopo sei mesi di calo. Gli indipendenti nell’ultimo mese aumentano dello 0,3% (+14 mila), proseguendo la crescita iniziata nel mese di gennaio.
Nel periodo gennaio-marzo 2016 i dipendenti aumentano rispetto ai tre mesi precedenti (+0,1%,pari a +21 mila). Il risultato è sintesi di una crescita dei dipendenti a tempo indeterminato (+0,5%, pari a +72 mila) e di un calo di quelli a termine (-2,1%, pari a -51 mila). Nello stesso periodo gli indipendenti registrano un lieve calo (-0,1%, pari a -4 mila). Su base annua i dipendenti crescono dell’1,8% (+295 mila), mentre gli indipendenti diminuiscono dello 0,6% (-32 mila). Tra i dipendenti, la crescita è determinata prevalentemente dai permanenti che crescono nei dodici mesi dell’1,9% (+280 mila), mentre quelli a termine aumentano dello 0,6% (+15 mila).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden: «La Russia è una minaccia diretta, la Cina una sfida sistemica»

Per la NATO «la Russia è una minaccia diretta e la Cina è una sfida sistemica». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, intervenendo…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «La Russia è aperta al dialogo»

«La Russia è aperta al dialogo sulla stabilità strategica mondiale, il disarmo e il commercio». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, in un…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Emergenza sanitaria, Fondazione Gimbe: «Impennata dei nuovi casi Covid»

«Prosegue l’impennata» di nuovi casi di Covid-19. Lo rende noto la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in Italia, sottolineando che nell’ultima settimana,…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità: l’epicentro si sta spostando verso il Centro Italia

Dopo gli ultimi rovesci, che pur non hanno risolto l’emergenza sul bacino padano, l’epicentro della siccità si sta spostando, estendendosi verso le regioni del Centro…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia