Su retribuzioni e potere d’acquisto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Su retribuzioni e potere d’acquisto

consumi_crisi_economicaNel 2015 è aumentata tanto la retribuzione annuale media dei lavoratori italiani quanto, complice un’inflazione pressoché nulla, anche il potere d’acquisto. Incrementi che, per quanto positivi, non hanno rilanciato definitivamente i consumi. Secondo un’analisi condotta dall’OD&M Consulting, complice un’inflazione sostanzialmente nulla – dopo l’incremento dello 0,2% registrato l’anno precedente, nel 2015 l’inflazione è cresciuta dello 0,1% su base annua (dati ISTAT) –, nel 2015 la retribuzione totale annua media degli italiani è aumentata del 3,7% rispetto al 2014. Si tratta di una media, naturalmente.
L’incremento rilevato dall’OD&M Consulting ha interessato i lavoratori italiani con intensità diverse: i dirigenti e gli operai hanno registrato gli aumenti più rilevanti, mentre le retribuzioni degli impiegati e dei quadri sono rimaste sostanzialmente stabili rispetto all’anno precedente.
Complice un’inflazione pressoché invariata rispetto all’anno precedente, lo studio sottolinea che l’incremento delle retribuzioni è stato accompagnato anche da un conseguente aumento del potere d’acquisto. Come confermato anche dall’ISTAT, del resto: secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica, nel 2015 il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è cresciuto dello 0,8% rispetto all’anno precedente.
Per quanto positivo – il potere d’acquisto delle famiglie italiane non aumentava su base annua dal 2007 –, l’incremento registrato dall’ISTAT è attribuibile principalmente alla bassa inflazione e inoltre non si è ancora tradotto in una ripresa definitiva dei consumi, la cui crescita è caratterizzata da un andamento altalenante: a marzo l’indicatore dei consumi elaborato da Confcommercio ha registrato un calo dello 0,4% rispetto al mese di febbraio, con un incremento dell’1,5% su base annua.
Eppure Confesercenti osservava che, rispetto allo scorso anno, l’attuale discesa dei prezzi permetterebbe (a parità di beni e servizi acquistati) un risparmio di quasi due miliardi di euro per gli italiani, pari a circa 90 euro l’anno a famiglia.

 

Scrivi una replica

News

Spagna, a luglio l’inflazione è salita al 10,7% (+10% a giugno)

A luglio l’inflazione spagnola ha registrato un accelerazione rispetto al mese precedente: il dato si è attestato al +10,7% dal +10% di giugno. Le stime…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, a giugno PIL in calo dello 0,6%: meno delle attese

A giugno il Prodotto Interno Lordo del Regno Unito è calato dello 0,6%, meno delle attese che indicavano un -1,2%. Su base annua, l’economia britannica…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turismo, Bankitalia: la spesa dei turisti stranieri è quintuplicata

Tra marzo e maggio, secondo le tavole statistiche sul Turismo internazionale, elaborate da Bankitalia, la spesa dei turisti stranieri in Italia è quintuplicata rispetto allo…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, in Inghilterra è stato dichiarato lo stato d’emergenza

Il Regno Unito ha dichiarato lo stato d’emergenza per la siccità che sta interessando l’Inghilterra. Coinvolta anche la capitale, Londra.…

12 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia