La home sharing e il caso Airbnb | T-Mag | il magazine di Tecnè

La home sharing e il caso Airbnb

airbnbChe si tratti di una fonte di vero e proprio reddito o di un modo per risparmiare, il fenomeno della sharing economy si sta consolidando sempre più. Si tratta, infatti, di un modello economico basato sulla condivisione di beni o servizi, sviluppatosi nel periodo della crisi economica e che piano piano è arrivato anche in Italia.
Al momento l’impatto sul Pil è ancora esiguo (si stima l’1%) ma l’effetto sui portafogli delle famiglie comincia a farsi sentire. Proprio ultimamente Airbnb – portale online di home sharing che mette in contatto persone in cerca di un alloggio per brevi periodi con privati disposti ad ospitare o ad affittare stanze o appartamenti -, ha diffuso i numeri, relativi al nostro Paese, legati all’esercizio del 2015.
Secondo l’analisi in Italia gli 83mila host (ovvero i privati che mettono a disposizione una struttura) che nel 2015 hanno affittato un alloggio hanno guadagnato in media 2.300 euro. I viaggiatori che, nel nostro Paese, hanno usufruito di un alloggio presente sul portale sono stati 3,6 milioni, generando qualcosa come 3,4 miliardi di euro: lo 0,22% del Pil.
Osservando più da vicino i dati si nota come siano Firenze, Roma e Milano le città dove questo tipo di business si è sviluppato maggiormente. Nella città toscana, infatti, sono stati 3.700 gli host coinvolti e 364mila i turisti ospitati, per un guadagno medio di 6.300 euro solo nel 2015.
Notevoli anche i risultati di Roma e Milano. Nella capitale i turisti ospitati dai 9.800 host sono stati 758mila e hanno fatto incassare alle famiglie ospitanti qualcosa come 93 milioni di euro nell’arco dei dodici mesi. Nel capoluogo meneghino, invece, i 9.600 host hanno ospitato 456mila viaggiatori incassando in media 2.700 euro a famiglia.
Nonostante i numeri, ancora pochi italiani – stando alle rilevazioni del Rapporto Italia 2016 dell’Eurispes – si avvalgono dei servizi home sharing per soggiorni all’estero, appena il 4,6%.

 

Scrivi una replica

News

Ue, rinnovato regime di sanzioni contro Isis e al-Qaeda

Il Consiglio dell’UE ha rinnovato oggi il regime di sanzioni contro l’Isis e al-Qaeda (che consistono tra le altre cose in un congelamento dei beni…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nell’Ue, tra marzo e giugno, 168mila decessi in più rispetto alla media»

Tra marzo e giugno 2020, nei 26 Paesi dell’Unione europea che hanno reso disponibili i dati, sono stati registrati 168mila decessi in più rispetto al…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Spadafora: «Su palestre, piscine e centri sportivi prevalsa scelta di buon senso»

«Palestre, piscine e centri sportivi restano aperti!». Ill ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, ha commentato così le misure contenute nell’ultimo…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo i contagi hanno superato i 40 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 40.076.184 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia