Commercio estero, Istat: “Ad agosto esportazioni e importazioni in aumento” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero, Istat: “Ad agosto esportazioni e importazioni in aumento”

“Ad agosto 2016, rispetto al mese precedente, entrambi i flussi presentano un incremento, più marcato per le importazioni (+2,5%) che per le esportazioni (+0,9%). Il surplus commerciale (+2.127 milioni) è superiore a quello dello stesso mese del 2015 (+1.383 milioni)”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“L’incremento congiunturale delle vendite verso i paesi extra Ue – prosegue la nota – è diffuso a livello settoriale, con un unico calo per le vendite di beni di consumo durevoli (-5,2%). Dal lato dell’import, la crescita congiunturale è estesa a tutti i raggruppamenti principali di beni, a esclusione dell’energia (-12,5%). I beni di consumo non durevoli (+10,3%) e i beni strumentali (+8,2%) registrano una crescita rilevante.
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue è stazionaria. L’energia (+17,7%) e, in misura minore, i beni di consumo non durevoli (+2,5%) sono in espansione mentre i beni strumentali (-2,3%) e i beni di consumo durevoli (-1,9%) registrano flessioni.
Ad agosto 2016 – osserva l’Istituto nazionale di statistica – le esportazioni su base annua sono in ampia crescita (+11,0%) trainate dai beni strumentali (+17,1%), dai beni di consumo non durevoli (+12,7%) e dai beni intermedi (+11,9%). Contrastano la tendenza crescente delle esportazioni le vendite di energia (-20,2%) e, in misura meno intensa, quelle di beni di consumo durevoli (-5,1%).
Anche le importazioni sono in espansione (+5,2%), diffusa a tutti i comparti a eccezione dell’energia (-16,6%).
Al netto della differenza nei giorni lavorativi (22 ad agosto 2016 rispetto a 21 ad agosto 2015) la dinamica di entrambi i flussi si conferma positiva: +7,0% per le esportazioni e +1,2% per le importazioni.
Nei primi otto mesi del 2016 entrambi i flussi commerciali presentano un calo tendenziale, più sostenuto per le importazioni (-7,7%) che per le esportazioni (-3,3%). Al netto della componente energetica, la flessione di entrambi i flussi è molto meno marcata (-0,5% per le importazioni, -1,4% per le esportazioni).
Ad agosto 2016, rispetto al 2015, aumentano le vendite di beni verso la Cina (+28,3%), il Giappone (+24,3%), i paesi ASEAN (+21,1%), gli Stati Uniti (+17,9%) e la Svizzera (+9,4%). Russia (-7,7%), paesi MERCOSUR (-7,4%) e paesi OPEC (-3,6%) segnano un decremento delle esportazioni. Le importazioni da Turchia (+35,3%), Stati Uniti (+24,9%), Svizzera (+20,5%), paesi OPEC (+16,7%) e paesi ASEAN (+14,2%) sono – conclude l’ISTAT – in forte espansione”.

 

Scrivi una replica

News

Franco: “La ripresa economica e lavorativa si sta rafforzando”

“La ripresa dell’attività economia e dell’occupazione si sta rafforzando, e dopo i dati del primo trimestre positivi, la crescita sarà positiva anche nel secondo e…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery, Cingolani: “Fondi per sviluppare imprese italiane”

“Nel Pnrr ci sono interventi e programmi per la supply chain, per far crescere l’azienda almeno europea, ma meglio nazionale, perché non si finisca per…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Auto, Cingolani: “E’ stato già un miglioramento passare da Euro 0 a Euro 6”

“La transizione ecologica deve essere giusta, noi non dobbiamo lasciare nessuno indietro. Dobbiamo curarci di chi comunque non potrebbe passare all’auto elettrica, e lo dobbiamo…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Deloitte: “Disoccupazione e ambiente preoccupano i giovani”

“Ambiente, disoccupazione e salute sono i tre grandi temi che preoccupano i giovani (Millennial e GenZ) in Italia. A un anno dall’inizio della pandemia i…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia