Gli italiani che vanno all’estero | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani che vanno all’estero

Il rapporto presentato dalla Fondazione Migrantes sottolinea che ad aver fatto le valigie sono soprattutto i giovani tra i 18 e i 34 anni

airport-1503332_1920Nel 2015 sono aumentati rispetto all’anno precedente gli italiani che hanno lasciato il nostro Paese per trasferirsi all’estero. I numeri contenuti nel rapporto Italiani nel mondo 2016 della Fondazione Migrantes lo certificano ampiamente: lo scorso anno, 107.529 italiani si sono iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE) in quanto intendono trasferire la propria residenza all’estero per un periodo di tempo superiore ai dodici mesi. Si tratta di un numero consistente di italiani e in crescita di 6.232 unità (+6,2%) rispetto al 2014.
La Fondazione Migrantes osserva che a lasciare il nostro Paese sono stati soprattutto i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni (39.410) pari al 36,7% del totale. Difficile sorprendersi, però: la quota dei giovani propensi a lasciare l’Italia è cresciuta sensibilmente negli ultimi anni. Secondo un’indagine condotta dall’Istituto Giuseppe Toniolo nel 2015 in collaborazione con l’Università Cattolica, il 61% dei giovani – l’analisi ha coinvolto mille 1.000 persone tra i 18 e i 32 anni – si è detto pronto ad emigrare all’estero per trovare un’occupazione. “Oggi il fenomeno degli italiani migranti ha caratteristiche e motivazioni diverse rispetto al passato”, ha commentato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Riguarda fasce d’età e categorie sociali differenti. I flussi tuttavia non si sono fermati e, talvolta, rappresentano un segno di impoverimento piuttosto che una libera scelta ispirata alla circolazione dei saperi e delle esperienze”.
Il rapporto della Fondazione Migrantes rileva che il Sud America è una meta meno ambita rispetto al passato: dalla lettura dei dati del report emerge che gli arrivi in America meridionale hanno registrato un calo del 14,9% rispetto al 2014, mentre nell’America centro-settentrionale i trasferimenti sono rimasti stabili. Una delle principali destinazioni è l’Europa, del resto: circa 75mila persone si sono trasferite nel Vecchio Continente. In assoluto, la destinazione preferita dagli italiani è la Germania (16.568 arrivi) seguita dal Regno Unito (16.503).
Tra gli italiani che hanno varcato i confini nazionali per stabilirsi all’estero, una quota considerevole ha meno di 18 anni (20,7%) mentre la Lombardia (20.088), Veneto (10.374), Sicilia (9.823) e il Lazio (8.436) sono le regioni dalle quali partono il maggior numero di italiani diretti all’estero.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia