Nell’Ue cresce la spesa delle famiglie destinata all’abitazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nell’Ue cresce la spesa delle famiglie destinata all’abitazione

Secondo i dati Eurostat in questo arco temporale si è passati dal 22,5% della spesa totale delle famiglie nel 2005 al 24,4% nel 2015
di Redazione

Nel 2015, nell’Unione europea, la principale voce di spesa delle famiglie è stata quella destinata alla casa, compresi i consumi legati all’abitazione come acqua, elettricità e gas. Si tratta di una spesa totale di quasi 2.000 miliardi di euro, il 13,4% del Pil europeo. Ma è, soprattutto, il capitolo che negli ultimi dieci anni è aumentato di più.

roofs-919460_1280

Secondo i dati Eurostat, infatti, in questo arco temporale si è passati dal 22,5% della spesa totale delle famiglie nel 2005 al 24,4% nel 2015 (+1,9 punti percentuali). Tendenze analoghe si possono osservare in molti paesi Ue, mentre ampie quote di spesa le famiglie le hanno destinate sui mezzi di trasporto (13% della spesa totale), sui prodotti alimentari e bevande analcoliche (12,3%), sui beni e servizi (11,5%), su ristoranti e alberghi (entrambi 8,5%).
Come già detto i consumi per le abitazioni rappresentano la prima voce di spesa delle famiglie in molti paesi Ue. Nel 2015 le famiglie dedicano in misura maggiore la loro quota di spesa per i consumi domestici in Danimarca (29,4%), Finlandia (28,2%), Francia (26,4%), Svezia (26%), Repubblica Ceca (25,9%) e Regno Unito (25,6%). Al contrario Malta (10,1%), Lituania (15,8%), Cipro (16,6%), Estonia (18,%), Bulgaria, Portogallo e Slovenia (18,8%) e Ungheria (19,1%) sono quelli dove l’esborso delle famiglie è minore per questa tipologia di spesa. L’Italia si attesta poco sotto la media europea.
Tra il 2005 e il 2015, la quota di spesa dedicata alla casa è cresciuta in diversi Stati membri dell’Ue. In particolare in Spagna (dal 17,4% della spesa totale delle famiglie nel 2005 al 23,% nel 2015), Irlanda (+5%) e Portogallo (+4,5%), Paesi Bassi (+3,8%), Finlandia (+3,6), Lettonia (+3,3), Danimarca (+3,1). Tra questi anche l’Italia (+3,3). Mentre è scesa in Slovacchia (dal 26,2% del 2005 al 24,9% nel 2015), Svezia (-1), Malta (-0,9), Polonia (-0,7 pp), Germania (-0,4) e Slovenia (-0,1).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, UE: «Accelerare la cooperazione»

«Stiamo assistendo a una recrudescenza dell’epidemia e dobbiamo accelerare la cooperazione specialmente sul tracciamento e sui test, abbiamo deciso di intensificare il coordinamento dei leader…

16 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Johnson: «Prepariamoci a uscire con il no deal»

«Prepariamoci a uscire con il no deal il 1° gennaio. L’Ue ha dimostrato di non voler più negoziare, hanno deciso di non volerci concedere un…

16 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Visco: «L’economia tornerà ai livelli pre-Covid solo tra un paio di anni»

Serviranno «un paio di anni» perché l’economia ritorni ai livelli precedenti l’emergenza sanitaria scatenata dal coronavirus. Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio…

16 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Video streaming, con Covid consumi su del 16%

Secondo lo ‘State of Online Video 2020’, analisi commissionata da Limelight Networks, grazie alla pandemia di coronavirus i consumi di video in streaming sono aumentati…

16 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia