Usa 2016. Il quadro economico che erediterà Trump | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2016. Il quadro economico che erediterà Trump

Nel III trimestre il Pil americano è cresciuto oltre le attese, riportando un +3,2% rispetto al trimestre precedente e un +1,6% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno
di Matteo Buttaroni

A breve, il 20 gennaio, Donald Trump si insedierà alla Casa Bianca, andando a sostituire dopo due mandati Barack Obama. Ma che America troverà il tycoon newyorkese quando si metterà ufficialmente alla guida del paese? Si sa, negli Stati Uniti non mancano le contraddizioni: ai molti punti di forza corrispondono non poche criticità ed è così anche dal punto di vista economico (il mercato del lavoro ne è un esempio: basso tasso di disoccupazione ma anche una bassa partecipazione). Tutto sommato, però, il presidente uscente lascia in eredità un quadro economico piuttosto solido e gli ultimi dati diffusi dal Dipartimento del Commercio ne sono una dimostrazione.

obama-trump

Nel terzo trimestre del 2016, infatti, l’economia statunitense ha registrato il miglior risultato degli ultimi due anni, mettendo a segno una crescita più ampia di quanto stimato in precedenza e accelerando notevolmente rispetto al trimestre precedente (ammesso che i dati vengano confermati nella revisione finale che verrà diffusa a dicembre). Durante la campagna elettorale, l’ormai prossimo inquilino della Casa Bianca, Donald Trump, ha spesso sottolineato la debolezza dell’economia statunitense. I dati degli ultimi anni mostrano però un’evidente ripresa rispetto al declino osservato subito dopo lo scoppio della crisi dei mutui subprime. Persistono alcune lacune – soprattutto in specifiche aree un tempo zoccolo duro dell’economia Usa –, ma, nonostante una crescita quest’anno più lenta, i numeri restano positivi.
In particolare il dipartimento del Commercio americano indica una crescita del Pil del 3,2% nel periodo considerato (+1,6% su base annua), contro il 2,9% avanzato nel dato preliminare e il 3% previsto dagli analisti. Nel secondo trimestre del 2016 il Pil statunitense era stato interessato da un +1,4% congiunturale e da un lieve +0,8% nei primi tre mesi. Per l’intero anno le stime avanzate dalla Federal Reserve indicano un +1,8%.
Un contributo positivo alla crescita economica statunitense è stato fornito dalle esportazioni nette e dalla spesa per consumi delle famiglie americane, mentre hanno registrato un nuovo calo gli investimenti residenziali, proseguendo il trend innescato nel 2015. Salgono invece dello 0,1% gli investimenti fissi non residenziali.
A contribuire positivamente alla crescita della spesa per consumi – che riporta nel periodo considerato un +2,8% contro il +2,1% indicato dalle stime preliminari (a fronte, però del +4,3% del trimestre precedente) – sono stati, in larga parte, la crescita delle retribuzioni e il buon andamento del mercato del lavoro, che (come abbiamo anticipato) presenta però qualche ombra.
Gli ultimi dati, relativi a giugno 2016, sebbene non segnalino un’accelerazione nella creazione di posti di lavoro rispetto allo scorso anno, indicano comunque un nuovo calo del tasso di disoccupazione, che si porta al 4,9% contro il 5,3% registrato nello stesso periodo del 2015. Un trend positivo innescato ormai dal 2012 (solo dal 2014, però, si registrò l’accelerazione che ha riportato il tasso di disoccupazione ai livelli odierni), ma che deve fare i conti con un indicatore – quello relativo alla partecipazione al mercato del lavoro – che si presenta a livelli più bassi rispetto al passato, toccando i minimi da 40 anni. Oggi si attesta al 62,8%.

Le puntate precedenti:
Usa 2016. Il presidente alla prova del Congresso
Usa 2016. Trump, le elezioni e Facebook
Usa 2016. La vittoria (poco?) a sorpresa di Trump
Usa 2016. La corsa a incontrare Donald Trump
Usa 2016. La sociologia del voto

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il virus non è sparito, sono previste nuove ondate»

«Anche se il lockdown è stato abolito in molti paesi, bisogna continuare a mantenere il distanziamento e isolarsi immediatamente se ci si ammala». Lo ha…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 101mila morti negli Stati Uniti

Continuano a salire i casi di contagio negli Stati Uniti, dove i casi totali sono oltre 1,7 milioni e i decessi hanno superato quota 101mila.…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 360mila morti in tutto il mondo

Sono oltre 360mila i morti da coronavirus in tutto il mondo, dove si contano anche 5,8 milioni di casi. Lo ha reso noto la Johsn…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Inflazione maggio -0,1%. Prima volta dal 2016»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di maggio 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia