Istat: “Continua a crescere l’utilizzo delle tecnologie volte a ridurre i costi della PA” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Continua a crescere l’utilizzo delle tecnologie volte a ridurre i costi della PA”

Nel 2015 si confermano sostanziali differenze nell’organizzazione delle funzioni dedicate all’ICT tra Pubbliche Amministrazioni locali (PAL) più piccole e realtà grandi e complesse. Hanno uno specifico ufficio dedicato all’ICT: tutte le Regioni e Province Autonome e l’85,5% dei Comuni sopra i 60mila abitanti, contro il 5,5% dei Comuni fino a 5mila abitanti.
Le funzioni ICT sono gestite da personale interno in circa sette enti su 10 ma, come nel 2012, quasi tutte le Amministrazioni locali si avvalgono anche di fornitori privati (94,1%).
L’adozione di tecnologie più sofisticate (tablet, smartphone, netbook, strumentazioni GIS e CAD) è positivamente correlata con l’ampiezza demografica dell’area territoriale di riferimento dell’ente: 82 Comuni su 100 tra quelli più grandi e appena 16 su 100 tra quelli fino a 5mila abitanti (70,0% e 8,0% nel 2012).
È ormai satura la quota di enti che utilizzano la banda larga (Adsl, via radio, fibra ottica) ma, rispetto al 2012, migliora la velocità di connessione: l’86,7% delle Amministrazioni connesse raggiunge velocità di almeno 2 Mbps (76% nel 2012) e il 17,4% ha accesso a connessioni in fibra ottica (11% del 2012).
Rispetto al 2012 continua a crescere l’utilizzo delle tecnologie volte a ridurre i costi della PA. Si rileva una dinamica sostenuta soprattutto per gli enti che acquistano in modalità e-procurement (da 30,3% a 79,5%), che adottano l’e-learning (da 12,3% a 34,5%), o servizi di cloud computing (da 10,5% a 25,7%).
Sono sempre più informatizzate (in oltre sette enti su 10) alcune attività correnti quali la gestione di contabilità, pagamenti, tributi, protocollo e, per i soli Comuni, a Ancora carente è invece l’informatizzazione delle relazioni con il pubblico, la gestione dei concorsi e delle gare di appalto.
Aumentano i servizi offerti dalle amministrazioni locali tramite il web. In particolare passa da 19,1% a 33,8% la percentuale di enti che offrono la possibilità di avviare e concludere online l’intero iter del servizio richiesto. I Comuni di maggiore dimensione sono più virtuosi (63,1%) delle Regioni e Province Autonome (59,1%).
I servizi più offerti via web al livello massimo di disponibilità on-line sono quelli connessi allo Sportello Unico per le Attività Produttive (24,0%) e la Dichiarazione di inizio attività produttiva (14,1%).
Usano strumenti alternativi al sito web (app o social media) rispettivamente, il 41,2% e 75,7% dei Comuni sopra i 60mila abitanti e il 68,2% e il 77,3% delle Regioni e Province Autonome.
Tra le modalità utilizzate dalle PAL i rapporti con l’utenza, le tecnologie mobili (invio di SMS) sono le più utilizzate e in crescita (22,4% contro 15,5% nel 2012), seguono i Call Center (18,4% e 15.3% nel 2012).
Gli enti locali indicano come ostacolo all’uso di ICT soprattutto la carenza di risorse finanziarie e di staff qualificato in materie ICT (rispettivamente 67,5% e 60,7%). Miglioramenti nell’adozione di ICT, si hanno nella disponibilità di maggiori informazioni, nelle aree della gestione finanziaria e dell’iter dei procedimenti.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a Wuhan le autorità locali hanno rialzato l’allerta

A Wuhan, città cinese epicentro della pandemia del nuovo coronavirus, gli abitanti sono stati invitati a rafforzare “le misure di auto-tutela”. In una nota, diffusa…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Merkel ha concluso la quarantena

La cancelleria tedesca, Angela Merkel, ha concluso la quarantena. Lo ha annunciato il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert, intervenendo nel corso di una conferenza…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, a marzo sono andati persi 701.000 posti di lavoro

A marzo, negli Stati Uniti, sono andati persi 701.000 posti di lavoro: si tratta del primo dato negativo dal settembre 2010. Il tasso di disoccupazione…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, Johnson: “Ho ancora lievi sintomi: resto in isolamento”

“Sebbene mi senta meglio, e abbia trascorso i miei sette giorni d’isolamento, ho ancora uno dei sintomi” del nuovo coronavirus. Lo ha detto il premier…

3 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia