Sale il potere d’acquisto. Ma nel 2017 potrebbe di nuovo rallentare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sale il potere d’acquisto. Ma nel 2017 potrebbe di nuovo rallentare

Secondo le stime del Rapporto Coop 2016 il prossimo anno il potere d'acquisto delle famiglie italiane riporterà un rallentamento al +0,7%
di Redazione

Ultimamente, in particolare da quando l’Italia ha intrapreso la strada della risalita, l’economia italiana ha cominciato a trarre più vantaggi dalla domanda interna che da quella estera, cambiando un po’ lo scenario rispetto agli anni in cui la crisi economica si mostrava più acuta.

carrello_della_spesa

Il cambiamento di cui stiamo parlando è legato però a due fattori, uno positivo ed uno negativo: il miglioramento del potere d’acquisto delle famiglie italiane e il rallentamento che molteplici fattori – tra cui la frenata dei Paesi emergenti e i disordini geopolitici in alcune aree del globo – hanno apportato al commercio mondiale.
Dal 2008 – il primo anno in cui la crisi economica si è cominciata ad avvertire nel nostro Paese – il potere d’acquisto delle famiglie italiane è sempre diminuito, fino alla battuta d’arresto registrata nel 2014. Nel 2015 si è registrata la prima crescita dopo sette anni, +0,8%, mentre nel corso del 2016 sta registrando ritmi superiori all’1%. Nel 2017, però, secondo le stime contenute nell’ultimo Rapporto Coop , il potere d’acquisto potrebbe riportare una leggera battuta d’arresto (+0,7%) che, insieme ad una probabile crescita dei prezzi al consumo, si tradurrà in un rallentamento dei consumi delle famiglie nel breve periodo.
In effetti nemmeno le ultime rilevazioni di Istat e Confcommercio relative ai consumi delle famiglie italiane avevano dato segnali incoraggianti: a settembre le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,6%, mentre l’ICC ha certificato una contrazione – sia congiunturale che tendenziale – dello 0,1% per i consumi in senso stretto (per i servizi si è registrata una variazione nulla, mentre per i beni un -0,2%).
Anche da alcune componenti dell’indice di fiducia dei consumatori italiani giungono segnali potenzialmente negativi. Le rilevazioni più recenti mostrano come l’andamento congiunturale dei giudizi sulle opportunità attuali all’acquisto di beni durevoli siano ancora molto prudenti: dai -39 punti di agosto si è registrato un crollo a -54 punti a settembre, valore registrato anche a novembre e al quale è seguito solo un timido miglioramento a dicembre, quando l’indicatore si è portato a -53 punti.
Un altro indicatore rilevante è quello relativo ai giudizi sul bilancio familiare, in discesa secondo le ultime rilevazioni: dopo la crescita da 4 a 6 punti tra settembre e ottobre, a novembre si è registrata una diminuzione a 5 punti, proseguita a dicembre a 3.
Come spiegato in precedenza a influire sul potere d’acquisto delle famiglie sono anche i prezzi al consumo che, a partire dal 2017, potrebbero tornare a salire. Tra il mantenimento della politica monetaria della Bce (il quantitative easing) e la risalita dei prezzi delle materie prime, già nei primi mesi del 2017 – per dirla con le parole dell’Istat – si prevede una ripresa dell’inflazione con una intensità più marcata nella seconda parte dell’anno, con appunto “un contenimento del potere di acquisto”.

 

Scrivi una replica

News

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “A novembre produzione nelle costruzioni +1,0% su base mensile e +13,2% su base annua”

“A novembre 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti dell’1,0% rispetto a ottobre. Nella media del trimestre settembre-novembre 2021 la produzione nelle…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Von der Leyen: “Pandemia ha dimostrato forza delle democrazie”

“La domanda è: le nostre democrazia sono abbastanza forti e veloci per affrontare l’incredibile sfida del Covid-19? Possono mettere agire? Io non ho dubbio. La pandemia non solo…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Austria vota per obbligo vaccinale per adulti. Primo Paese in Ue

L’Austria è il primo Paese Ue a votare in Parlamento l’obbligo vaccinale anti-Covid per gli adulti. Con molta probabilità la misura passerà dato che anche…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia