Lavoro, Istat: “A dicembre retribuzioni contrattuali invariati su mese e +0,4% su anno” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, Istat: “A dicembre retribuzioni contrattuali invariati su mese e +0,4% su anno”

“Alla fine di dicembre 2016 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 49,5% degli occupati dipendenti e corrispondono al 47,3% del monte retributivo osservato”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“Complessivamente – prosegue la nota – nell’anno 2016 sono stati recepiti 13 accordi a cui fanno riferimento poco meno di 3,0 milioni di lavoratori dipendenti, con un monte retributivo pari al 21,8% del totale economia.
A dicembre 2016 la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo per l’insieme dell’economia è pari al 50,5%, in diminuzione rispetto al mese precedente (68,0%). L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 53,7 mesi, in diminuzione rispetto allo stesso mese del 2015 (56,4). L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 27,1 mesi, in crescita rispetto ad un anno prima (22,0).
A dicembre l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,4% nei confronti di dicembre 2015. Nella media del 2016 la retribuzione oraria è cresciuta dello 0,6% rispetto all’anno precedente.
Con riferimento ai principali macrosettori, a dicembre le retribuzioni contrattuali orarie registrano un incremento tendenziale dello 0,5% per i dipendenti del settore privato (0,3% nell’industria e 0,7% nei servizi privati) e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione.
I settori che presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: alimentari, bevande e tabacco (1,8%) e commercio (1,0%). Si registrano variazioni nulle nei seguenti settori: estrazione minerali; legno, carta e stampa; energia e petroli; chimiche; metalmeccanica; energia elettrica e gas; servizi di informazione e comunicazione; telecomunicazioni e in tutti i comparti della pubblica amministrazione.
Nel mese di dicembre sono stati recepiti due nuovi accordi (metalmeccanica e servizio smaltimento rifiuti – aziende private), mentre nessuno è venuto a scadenza. Complessivamente – conclude l’ISTAT – i contratti in attesa di rinnovo sono 47 (di cui 15 appartenenti alla pubblica amministrazione) relativi a circa 6,5 milioni di dipendenti (di cui circa 2,9 milioni nel pubblico impiego)”.

 

Scrivi una replica

News

Cura Italia, il Senato approva la fiducia

Il Senato ha confermato la fiducia al governo sul dl Cura Italia. I voti a favore sono stati 142, 99 quelli contrari. Quattro senatori si sono astenuti.…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Merkel in una riunione Cdu respinge l’opzione eurobond

 «La cancelliera Angela Merkel ha ribadito la sua contrarietà all’opzione eurobond per affrontare l’emergenza coronavirus nel corso di una riunione in videoconferenza del suo gruppo…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iraq, continua la crisi di governo: si ritira anche Zurfi

Lo scorso 7 marzo il presidente iracheno, Barham Saleh, aveva nominato come primo ministro Adnan Zurfi, ma quest’ultimo si ha rifiutato l’incarico. Saleh a subito…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, sospesi tutti i campionati italiani di pallavolo: non ci saranno vincitori, promozioni e retrocessioni

Dopo il rugby, anche la pallavolo italiana annulla la stagione senza vincitori, promozioni e retrocessioni. Il consiglio federale della Fipav, presieduto da Bruno Cattaneo, ha…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia