Frena la produzione industriale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Frena la produzione industriale

Un trend al ribasso che però non sembra riguardare solo l'Italia, a parte la Germania che recupera dal calo di dicembre
di Redazione

Escludendo la Germania (che a gennaio ha registrato un recupero importante dopo il dato negativo di fine 2016) e la Spagna (con una variazione positiva dello 0,3%, +2,5% su base annua), la produzione industriale risulta in calo nel primo mese dell’anno in Italia (-2,3% su dicembre) e in Francia (-0,3% congiunturale).

lavoro

Dunque nonostante le attese positive per questi primi mesi del 2017 – si tratta di un indicatore importante per misurare il reale andamento dell’economia oltre che la capacità dell’industria in senso stretto –, la produzione industriale continua a mostrare un andamento altalenante in parte legato alla fase di incertezza e alla crescita modesta dei consumi.
Il recupero della produzione in Germania – a dicembre 2016, infatti, si era osservato un calo del 2,4% – deriva dalla crescita degli investimenti (6,1%) e dei beni di consumo (2,3%). La crescita in Spagna è stata più contenuta su base mensile, dovuta soprattutto al settore energetico e dell’auto. Indicatore in flessione anche per il Regno Unito, con un calo dello 0,4% a gennaio.
In Italia il calo è avvenuto anche nel confronto con lo stesso periodo dello scorso anno (in questo senso “pesa” anche la forte differenza nei giorni lavorativi), con una diminuzione tendenziale dello 0,5% (si tratta della prima contrazione dopo cinque aumenti consecutivi).
Il mese di dicembre aveva fatto registrare uno sprint in chiusura d’anno – il migliore dal 2010 –, che rappresentava per il nostro paese una nota positiva, soprattutto nel confronto con i principali paesi partner dell’Eurozona, evidenziando risultati migliori di Francia e Germania.
Se in precedenza quasi tutti i settori di attività economica avevano messo in luce variazioni positive, stavolta è solo il comparto energia a registrare valori in rialzo. Le diminuzioni maggiori, invece, si rilevano nei comparti delle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (-9,5%), dell’industria del legno, della carta e stampa (-8,5%) e dell’attività estrattiva (-5,9%).
Tuttavia, secondo il Centro Studi di Confindustria, a febbraio la produzione industriale tornerà su dello 0,4% sul mese precedente. Mentre per il primo trimestre del 2017 si stima un aumento dello 0,2%, ad ogni modo in rallentamento rispetto all’ultimo periodo del 2016.

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia