Consumi stabili, in calo i generi alimentari | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi stabili, in calo i generi alimentari

Sul mercato interno le vendite di prodotti alimentari hanno compromesso l'andamento di quelle totali, ma sul fronte estero l'agroalimentare italiano continua a crescere
di Redazione

Nonostante la variazione nulla registrata a marzo dalle vendite al dettaglio, l’indice calcolato dall’Istat ha riportato comunque un aumento nella media del primo trimestre del 2017 sul periodo precedente. Male invece il confronto tendenziale, per il quale si registra una flessione, piuttosto marcata soprattutto in termini di volumi.

Si mantiene quindi altalenante l’indice delle vendite al dettaglio e a pesare sono soprattutto i generi alimentari. Già dal confronto mensile, infatti, si può notare come a fronte di una stazionarietà del valore delle vendite totali si sia verificato un calo dello 0,1% di quelle di generi alimentari (in volumi si registra invece un aumento delle vendite totali dello 0,2%, risultato di un +0,3% di quelle alimentari e di un +0,1% per quelle non alimentari).
Anche il confronto tendenziale mostra una dinamica simile. Rispetto al marzo del 2016 il valore totale delle vendite al dettaglio è diminuito dello 0,4%. Anche in questo caso l’andamento è stato compromesso dalle vendite di generi alimentari, il cui valore è diminuito dell’1,8% contro il +0,3% registrato per il valore delle vendite di generi non alimentari.
Non a caso anche l’analisi delle vendite al dettaglio per tipologia di esercizio e per forma distributiva mostra un andamento non proprio ottimale per i prodotti alimentari. Nella Grande distribuzione si registra infatti un calo annuo dell’1,8% per le vendite di beni alimentari e dello 0,1% per quelle di prodotti non alimentari. Andamento simile anche per le imprese operanti su piccole superfici, presso le quali le vendite di alimenti sono diminuite dell’1,6% su base annua a fronte del +0,6% riportato dalle vendite di beni non alimentari.
In particolare gli esercizi specializzati della grande distribuzione a prevalenza alimentare – come ad esempio gli ipermercati, i supermercati e i discount – hanno registrato una flessione delle vendite dell’1,6% contro la crescita dello 0,1% delle vendite degli esercizi specializzati a prevalenza non alimentare.
Ma se sul fronte nazionale potrebbe andar meglio, altrettanto non si può dire per le vendite verso l’estero. Secondo le stime della Coldiretti – diffuse in occasione della fiera TuttoFood di Milano – nel primo trimestre del 2017 le vendite di prodotti agroalimentari all’estero sono aumentate del 10%. Un buon risultato che segue la scia dell’anno precedente, quando le vendite di prodotti del Made in Italy all’estero hanno raggiunto il valore record di 38,4 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, il deputato britannico David Amess è stato ucciso a coltellate durante un incontro con gli elettori

Un deputato della maggioranza Tory che sostiene il governo britannico di Boris Johnson, il 69enne David Amess, è stato oggi ucciso da un uomo, che…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, via libera del Cdm al dl Fisco

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto fiscale. Lo riferiscono le agenzie di stampa, citando fonti governative, a riunione ancora in corso. Tensione sul…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Financial Times: “Cinque Paesi Ue pronti alla guerra commerciale con la Gran Bretagna”

“Italia, Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi hanno incontrato in settimana il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, negoziatore post Brexit per l’Ue, per chiedergli…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gruppo Stellantis, immatricolazioni in calo del 30,4% a settembre

Secondo i dati dell’Acea (associazione dei costruttori europei), le immatricolazioni del gruppo Stellantis, nell’Unione europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state a settembre 179.117,…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia