Imprese straniere: in aumento del 25,8% tra 2011 e 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese straniere: in aumento del 25,8% tra 2011 e 2016

Secondo l'Osservatorio di Confesercenti ci sono settori attività economiche, come gli internet point o il commercio ambulante, dove la presenza di stranieri è superiore a quella degli italiani.
di Redazione

A fine 2016 il numero delle imprese gestite da stranieri sul territorio italiano è nuovamente aumentato, registrando addirittura una crescita a doppia cifra rispetto al 2011. Un dato in controtendenza rispetto a quello rilevato per il tessuto imprenditoriale italiano, che nello stesso arco di tempo ha invece riporato una flessione del numero di attività.

A tirare le somme sul fenomeno è la Confesercenti che, nella sua ultima analisi, spiega come le attività più interessate dall’imprenditoria straniera siano il commercio ambulante, il cibo, le pulizie e i minimarket.
Ma vediamo i numeri. A fine 2016 le imprese straniere censite erano 571 mila, il 25,8% in più rispetto al 2011. Una crescita notevole, soprattutto se confrontata con l’andamento delle imprese italiane, diminuite del 2,7% nel periodo considerato dall’indagine.
Interessante notare come in alcuni comparti oltre la metà delle imprese del nostro Paese siano gestite da stranieri. È il caso del commercio ambulante, ad esempio, dove il numero delle imprese straniere supera le centomila unità, rappresentando il 53,5% delle imprese totali di questa tipologia di attività. Anche per gli internet point la dinamica è simile, si parla di 3.200 gestioni straniere: il 58,1% del totale. Quote importanti si rilevano anche per i servizi di pulizia (20,7%), take away (24,3%) empori (36,3%) e centri massaggi (27,9%).
Confrontando l’andamento a livello territoriale, la Confesercenti spiega che tra le grandi città, l’aumento più marcato di imprese straniere tra il 2011 ed il 2016 ha interessato Napoli, con un +165,4% a cui seguono Palermo, +54,6%, e Roma con un +51,2%. La quota maggiore sul totale delle imprese si registra però a Firenze, dove si attesta al 17,3% sulle imprese totali della città, mentre a Roma si registra il numero assoluto più elevato: 48.413 unità.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gelmini: «Da lunedì più di 11 regioni in zona gialla»

«Le regioni che dovrebbero passare in giallo da lunedì dovrebbero essere più di 11». A riferirlo è la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini,…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Es’givien x la Terra e il Made in Italy: il nuovo progetto by #ilfashionbelloebuono

Sostenibilità della moda o moda della sostenibilità? Dopo un anno di pandemia e anni di delocalizzazione di troppe produzioni etichettate Made in Italy, Es’givien lancia…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, l’Uefa ai club ritirati: “Passo indietro da ammirare, bentornate”

L’Uefa e in particolare Aleksander Ceferin, hanno accolto con grande soddisfazione il ritiro di sette club dalla Superlega: “Gli errori si possono commettere, importante è…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, si ritira anche l’Inter

Dopo la notizia del ritiro dei sei club inglesi, anche l’Inter ha annunciato il proprio ritiro dalla Superlega. “A queste condizioni non ci interessa”, fanno…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia