Export extra Ue in crescita ad agosto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export extra Ue in crescita ad agosto

Aumenti considerevoli hanno interessato le vendite verso Cina e Russia. Giù l’export verso i Paesi Opec
di Redazione

Ad agosto sia le esportazioni che le importazioni extra-Ue hanno registrato una crescita piuttosto marcata, sia rispetto al mese precedente che rispetto all’agosto dello scorso anno . Al contrario, la dinamica congiunturale dell’ultimo trimestre ha mostrato una flessione.

Secondo le ultime rilevazioni dell’Istituto nazionale di statistica, tra luglio ed agosto le esportazioni hanno registrato un aumento del 4%, riflettendo positivamente l’andamento delle vendite verso l’estero di prodotti energetici (+16,4%) e di beni intermedi (+7,1%). In crescita anche le esportazioni di beni di consumo, +2,2% (+4,6% quelli durevoli e +1,6% quelli non durevoli), e quelle di beni strumentali +2,2%. Al netto dell’energia l’export ha comunque registrato un progresso di 3,5 punti percentuali.
Rispetto allo stesso mese di un anno fa le esportazioni sono lievitate dell’8,2%, anche in questo caso il totale al netto dell’energia ha mostrato comunque un aumento notevole, riportando un importante +7,2%. Tra i principali raggruppamenti di industrie, gli aumenti maggiori hanno interessato l’energia, +31%, e i beni intermedi, +8%. Bene anche i beni di consumo, +9,8% (+19,9% quelli durevoli e +7,5% quelli non durevoli), i beni strumentali, +4,6%, e beni intermedi, +8%.
Come anticipato la dinamica trimestrale ha invece riportato una flessione: nel periodo giugno agosto le esportazioni sono diminuite dell’1,6% rispetto al periodo marzo-maggio, riflettendo negativamente l’andamento dei beni strumentali, le cui vendite verso i Paesi al di fuori dell’Unione europea sono diminuite del 4,8%. Neanche le altri tipologie di prodotto hanno mostrato performance ideali: l’export di beni di consumo è aumento di appena 0,7% (variazione nulla per quello di beni di consumo non durevoli e +3,7% per i durevoli), +0,6% per l’energia e crescita nulla per le vendite di beni intermedi.
Per quanto riguarda i Paesi di destinazione, aumenti considerevoli hanno interessato le vendite verso Cina (+26,6%), Russia (+20,9%), Paesi Mercosur (+16,7%), Turchia (+14,5%) e Svizzera (+11,5%). Male le vendite verso i Paesi dell’area Opec, scese del 5,9%.

 

Scrivi una replica

News

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Segnali incoraggianti di rallentamento dell’epidemia»

«Si vedono segnali importanti di rallentamento dell’epidemia in Italia. Alla domanda se siamo arrivati al picco, la risposta potrebbe essere ni», lo ha detto il presidente della…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confesercenti: «Con Omicron e caro-energia ripresa indietro di sei mesi»

Omicron e corsa delle bollette portano indietro di sei mesi le lancette della ripresa. Così la Confesercenti, spiegando che il nuovo rallentamento innescato dalla quarta ondata…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Continuano a salire i prezzi dei carburanti

Prosegue la scia di rialzi dei prezzi praticati dei carburanti. Secondo Quotidiano energia la quotazione media della benzina al distributori è di 1,750 euro al…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abu Dhabi, attentato Huthi con droni: insorti yemeniti filo-iraniani rivendicano attacco

Un attacco aereo eseguito con droni da parte degli insorti yemeniti filo-iraniani Huthi, che lo hanno in seguito rivendicato, ha provocato una serie di esplosioni…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia