Lavoro: l’occupazione femminile cresce, ma i divari restano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: l’occupazione femminile cresce, ma i divari restano

Le differenze di genere non riguardano solo il nostro paese. Ma i diversi andamenti molto dipendono dalle dinamiche del mercato del lavoro di riferimento
di Redazione

Nel 2016, su 1,7 milioni di scienziati e ingegneri presenti nell’UE, il 60% erano uomini e il 40% donne. Gli uomini si concentrano principalmente nel settore manifatturiero (l’83% degli scienziati e ingegneri nella manifattura sono di sesso maschile), mentre il settore dei servizi risulta essere più equilibrato (55% uomini e 45% donne). Solo in tre Stati dell’UE la maggior parte degli scienziati e degli ingegneri sono donne: Lituania (58%), Bulgaria (54%) e Lettonia (52%). Al contrario, meno di un terzo degli scienziati e degli ingegneri sono donne in Lussemburgo (25%), Finlandia (28%), Ungheria (31%), Austria (32%) e Germania (33%). Questi dati sono stati diffusi alcuni giorni fa dall’Eurostat in occasione della Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella Scienza, che si è celebrata l’11 febbraio. Sono numeri che aiutano a capire, pur con i dovuti distinguo, le differenze di genere che ancora si osservano in Europa.

In Italia il problema è per certi versi più sentito, soprattutto se consideriamo i dati generali del mercato del lavoro. È vero che nel nostro paese si è ormai registrato un record delle donne occupate, tuttavia restiamo – per quanto riguada questa speciale classifica – nelle ultime posizioni in Europa. Un recente rapporto dell’Istat metteva in luce come il divario di genere, a sfavore delle donne, diminuisce al crescere del livello d’istruzione: nel 2016 le differenze dell’indicatore passano da circa 25 punti per chi ha al massimo la licenza media, a poco più di 18 punti tra i diplomati e fino a 10 punti per i laureati. La differenza comunque c’è, e si vede. Ovviamente, dicevamo, non è un problema che riguarda in esclusiva l’Italia, ma i diversi andamenti – che variano cioè da paese a paese – molto dipendono dalle dinamiche del mercato del lavoro di riferimento. Dal 1993 ad oggi uno degli aspetti più evidenti è proprio la diminuzione del divario di genere nel tasso di occupazione. Ma se nella maggior parte dei casi ciò è dovuto alla crescita dei tassi di occupazione per le donne (come in Spagna e nei Paesi Bassi), in altri il minore divario si colloca in un territorio negativo poiché dovuto a tassi di occupazione più bassi per gli uomini (sono i casi di Grecia e Cipro). In altri paesi ancora la medesima evoluzione dei tassi di occupazione per gli uomini e per le donne ha mantenuto di fatto stabile il divario di genere. Resta poi un fatto: i tassi di occupazione sono più bassi tra le donne che tra gli uomini in quasi tutti i paesi europei, con due eccezioni fa notare l’Eurostat: in Lettonia e in Lituania nel 2010, in seguito a un forte calo dei tassi tra gli uomini e a un calo molto più modesto tra le donne.

Che la condizione occupazionale delle donne, nonostante i miglioramenti degli ultimi anni, sia delle più ottimali in Italia può essere dimostrato dagli ultimi dati Istat ed Eurostat. Se il tasso di occupazione 15-64 anni si attesta per la componente maschile al 67,2% nel mese di dicembre 2017, per la componente femminile si ferma 49%. Nello stesso periodo di osservazione il tasso di disoccupazione femminile è all’11,8%, il più alto dopo Spagna e Grecia sebbene in questi due paesi le percentuali siano decisamente più alte (rispettivamente 18,2% e 25,4% a ottobre 2017). Su livelli analoghi a quelli dell’Italia Cipro (11,3%) e Croazia (11,1%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, via libera del Cts a tamponi rapidi nelle scuole italiane

Il CTS, il Comitato tecnico scientifico, ha dato il via libera alla possibilità di effettuare tamponi rapidi nelle scuole italiane «ai fini esclusivi di screening è possibile…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Guterres: «Dobbiamo agire adesso, altrimenti rischiamo recessione globale»

«Se non agiamo ora, abbiamo davanti una recessione globale che potrebbe spazzare via decenni di sviluppo e rendere completamente fuori portata l’Agenda 2030». Così il…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tensioni Armenia-Azerbaigian, «intensi combattimenti»

Proseguono gli scontri tra Armenia e Azerbaigian nonostante i ripetuti appelli al cessate il fuoco. In particolare, riporta la Tass, l’Azerbaigian riferisce che tra ieri…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Save the Children: «La pandemia ha peggiorato le condizioni dei bambini siriani»

La pandemia ha peggiorato le condizioni dei bambini siriani. Secondo Save the Children, negli ultimi sei mesi il numero di minori in condizioni di insicurezza…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia