In aumento il rischio povertà e le disuguaglianze economiche | T-Mag | il magazine di Tecnè

In aumento il rischio povertà e le disuguaglianze economiche

Secondo la Banca d'Italia, particolarmente a rischio sono i nuclei con capofamiglia giovani
di Redazione

L’indagine della Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie, relativa al 2016, stima in rialzo la quota degli italiani residenti a rischio povertà, attestata al 23%, il massimo storico dal 1989. L’incidenza delle famiglie a rischio povertà, ovvero quelle che dispongono di un reddito equivalente inferiore al 60% di quello mediano, è risultata in aumento per tutte le fasce d’età, meno che per i pensionati, l’unica categoria che registra una diminuzione di individui a rischio di oltre 2 punti percentuali dal 2006 al 2016.

In particolar modo, con una soglia convenzionalmente utilizzata per individuare il rischio povertà di 830 euro mensili, l’incidenza maggiore riguarda i nuclei con capofamiglia giovani, dal 22,6% al 29,7%, per chi vive al Nord e per gli immigrati per cui la condizione è aumentata dal 33,9 al 55%.
L’indagine sottolinea inoltre che il reddito equivalente, quello che meglio individua il benessere individuale, è salito, dopo essere diminuito ininterrottamente dal 2006, del 3,5% rispetto al 2014, ancora inferiore dell’11% rispetto al picco positivo. L’aumento del reddito equivalente è associato alla ripresa della quota di famiglie che dichiarano di essere riuscite a risparmiare parte del loro reddito, passata dal 27 al 33%. Contemporaneamente, però, è cresciuta la quota di famiglie, tra quelle appartenenti al 30% con reddito più basso, che hanno fatto ricorso a risparmi o che si sono indebitate per finanziare la propria spesa.
Si inaspriscono, quindi, le disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza tra le famiglie: i dati mostrano che il 30% delle famiglie più povere detiene solo l’1% della ricchezza netta, mentre il 5% più ricco controlla oltre i 40%.

 

Scrivi una replica

News

Mes, Visco: «Da un punto di vista economico ha solamente vantaggi»

«Da un punto di vista economico» il MES «ha solamente vantaggi: non si va sul mercato, è a lunga scadenza, a condizioni buone e la…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «Le prospettive sul futuro restano incerte»

«L’impatto del Coronavirus si sente ancora nella zona euro, le imprese hanno difficoltà, le persone perdono il posto, le prospettive sul futuro restano incerte». Lo…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Provenzano: «A rischio ci sono circa 600-800mila posti di lavoro»

«Sul piano sociale le ricadute rischiano di essere maggiori nelle aree meno sviluppate del Mezzogiorno, soprattutto in termini di occupazione». Così il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, intervenendo nel corso…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 33 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 33.130.914 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia