Migliora l’occupazione, ma restano le diseguaglianze | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliora l’occupazione, ma restano le diseguaglianze

I livelli occupazionali registrano in Italia un incremento (anche se l'obiettivo europeo è ancora distante), mentre si allarga la forbice tra ricchi e poveri
di Redazione

I livelli occupazionali migliorano in Europa. E anche in Italia, nonostante le difficoltà. La percentuale delle persone occupate (20-64 anni) nell’UE si attesta – l’anno scorso – al 72,2%, a poco meno di tre punti dall’obiettivo fissato dalla strategia Europa 2020 (75%). In Italia l’occupazione nello stesso range di età si è passati dal 61,6% del 2016 al 62,3% del 2017, mantenendo tuttavia stabile il divario di genere: 72,3% per gli uomini e 52,5%. Si tratta, comunque, di un miglioramento generale sebbene il target previsto per il nostro paese sia distante quasi cinque punti.

I dati sono stati diffusi pochi giorni fa dall’Eurostat e sono la premessa ad una considerazione di altro tipo. La crescita, seppur lieve, dell’occupazione non è riuscita a colmare le diseguaglianze in Italia. Perché sempre l’Eurostat informa che da noi si è allargato il divario tra chi ha redditi più alti e chi ha evidenti difficoltà economiche. In altre parole, quello che appare evidente è la riduzione della classe media a fronte di una forbice più larga tra ricchi e poveri. Ora questi ultimi dati si riferiscono al 2016, ma un miglioramento dell’occupazione si era già verificato. Cosa è successo, dunque? Che la crisi ha accresciuto le differenze, mentre il recupero del mercato del lavoro non è riuscito ad assottigliare quelle stesse discrepanze. Nel 2016 il decile più povero della popolazione italiana (tradotto: il decimo della popolazione che si colloca al livello più basso in una classifica dei redditi in dieci fasce) poteva contare appena sull’1,8% dei redditi. In generale quasi un quarto del reddito complessivo (24,4%) era percepito da appena il 10% della popolazione e rispetto al 2008 (cioè l’inizio della crisi) il decile più benestante ha accresciuto la sua quota di reddito (23,8%), mentre quello più povero ha registrato una sostanziale diminuzione (era il 2,6%).

Per l’Eurostat in Italia il 40% della popolazione con i redditi più bassi nel 2016 aveva appena il 19,1% dei redditi complessivi, in calo dal 20,2% del 2010 e dal 19,7% del 2015. In Germania (con il 21,7% di reddito per il primo 40% più povero) e in Francia (22,6%) le differenze sono meno accentuate. Nella media europea, nello stesso periodo di riferimento, il 40% della popolazione con redditi più bassi è passato dal 21,2% al 20,9% del reddito complessivo.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Speranza: «Non possiamo assolutamente abbassare la guardia»

«In questo ultimo miglio non possiamo assolutamente abbassare la guardia». Intervenendo in Senato, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha invitato alla prudenza, osservando che…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, Di Maio: «Chiesta all’Onu apertura di un’inchiesta»

«Al Pam e all’Onu abbiamo chiesto formalmente l’apertura di un’inchiesta che chiarisca l’accaduto, le motivazioni alla base del dispositivo di sicurezza utilizzato e in capo…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli Usa primo Paese per il numero di contagiati nelle ultime 24 ore. Ottava l’Italia

Nelle ultime 24 ore, secondo gli ultimi dati dell’Oms, sono stati 280.853 i nuovi contagiati. La nazione che ha fatto segnare il maggior incremento sono…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, continuano a calare i casi di Covid in tutto il mondo

Per la sesta settimana consecutiva i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo sono calati. Nel periodo 15-21 febbraio, il dato è sceso dell’11%…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia