Migliora l’occupazione, ma restano le diseguaglianze | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliora l’occupazione, ma restano le diseguaglianze

I livelli occupazionali registrano in Italia un incremento (anche se l'obiettivo europeo è ancora distante), mentre si allarga la forbice tra ricchi e poveri
di Redazione

I livelli occupazionali migliorano in Europa. E anche in Italia, nonostante le difficoltà. La percentuale delle persone occupate (20-64 anni) nell’UE si attesta – l’anno scorso – al 72,2%, a poco meno di tre punti dall’obiettivo fissato dalla strategia Europa 2020 (75%). In Italia l’occupazione nello stesso range di età si è passati dal 61,6% del 2016 al 62,3% del 2017, mantenendo tuttavia stabile il divario di genere: 72,3% per gli uomini e 52,5%. Si tratta, comunque, di un miglioramento generale sebbene il target previsto per il nostro paese sia distante quasi cinque punti.

I dati sono stati diffusi pochi giorni fa dall’Eurostat e sono la premessa ad una considerazione di altro tipo. La crescita, seppur lieve, dell’occupazione non è riuscita a colmare le diseguaglianze in Italia. Perché sempre l’Eurostat informa che da noi si è allargato il divario tra chi ha redditi più alti e chi ha evidenti difficoltà economiche. In altre parole, quello che appare evidente è la riduzione della classe media a fronte di una forbice più larga tra ricchi e poveri. Ora questi ultimi dati si riferiscono al 2016, ma un miglioramento dell’occupazione si era già verificato. Cosa è successo, dunque? Che la crisi ha accresciuto le differenze, mentre il recupero del mercato del lavoro non è riuscito ad assottigliare quelle stesse discrepanze. Nel 2016 il decile più povero della popolazione italiana (tradotto: il decimo della popolazione che si colloca al livello più basso in una classifica dei redditi in dieci fasce) poteva contare appena sull’1,8% dei redditi. In generale quasi un quarto del reddito complessivo (24,4%) era percepito da appena il 10% della popolazione e rispetto al 2008 (cioè l’inizio della crisi) il decile più benestante ha accresciuto la sua quota di reddito (23,8%), mentre quello più povero ha registrato una sostanziale diminuzione (era il 2,6%).

Per l’Eurostat in Italia il 40% della popolazione con i redditi più bassi nel 2016 aveva appena il 19,1% dei redditi complessivi, in calo dal 20,2% del 2010 e dal 19,7% del 2015. In Germania (con il 21,7% di reddito per il primo 40% più povero) e in Francia (22,6%) le differenze sono meno accentuate. Nella media europea, nello stesso periodo di riferimento, il 40% della popolazione con redditi più bassi è passato dal 21,2% al 20,9% del reddito complessivo.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Von der Leyen: «Se Mosca attacca, pronte sanzioni»

«Noi speriamo che l’attacco all’Ucraina non ci sia, ma se ci sarà noi siamo pronti. Non accettiamo il ritorno alle sfere d’influenza in Europa e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: non escluso nuovo colloquio Putin-Biden

Nonostante il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, abbia in un primo momento criticato le parole di Biden di ieri perché «possono facilitare la destabilizzazione della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo vaccinale spinge le prime dosi tra gli over 50

Tra il 12 e il 18 gennaio, sono state somministrate 128.966 prime dosi di vaccino nella fascia d’età over 50, pari al 28,1% in più…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia