Lavoro: il divario occupazionale tra le regioni europee | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: il divario occupazionale tra le regioni europee

Quattro regioni italiane tra le peggiori in Europa. Dalla mappa di Eurostat emergono le differenze Nord-Sud. Ma anche in alcune aree di Francia, Spagna e Grecia si registrano tassi di disoccupazione pari o più del doppio della media UE
di Redazione

Se si vuole comprendere, una volta di più, il divario Nord-Sud anche sul fronte occupazionale basta dare un’occhiata alla mappa dell’Eurostat sui tassi disoccupazione in Europa a livello regionale. Se le regioni del Nord presentano perlopiù quote di disoccupazione che si attestano tra il 5,8% e il 9,5%, quelle meridionali (quattro, per la precisione) hanno tassi uguali o superiori 15,2%. Il Centro fa da spartiacque, con valori che possono oscillare tra il 9,6 e il 15,1%.

Il quadro che emerge, insomma, non è dei più entusiasmanti. E poco rincuora il fatto che alcuni Paesi stiano peggio anche su base regionale, principalmente Grecia e Spagna. In generale il trend della disoccupazione su base regionale dell’Unione europea, nel 2017, ha registrato un calo rispetto all’anno precedente. Nel centro-nord Europa i dati più bassi, in particolare in Repubblica Ceca e in Germania. Tra le 275 regioni dell’UE per le quali sono disponibili dati, in 56 si è potuto osservare l’anno scorso un tasso di disoccupazione del 3,8% o meno, pari alla metà della media UE (che si attesta al 7,6%). Sono ventuno regioni in Germania, tredici nel Regno Unito, sette in Repubblica Ceca, tre in Ungheria e Austria, due in Belgio, Polonia e Romania e una in Bulgaria, Italia e Paesi Bassi. Al contrario, 31 regioni hanno evidenziato un tasso di disoccupazione di almeno il 15,2%, che equivale al doppio di quello dell’UE: tredici regioni in Grecia, nove in Spagna, cinque in Francia e quattro in Italia (Calabria, 21,6%; Sicilia, 21,5%; Campania, 20,9%; Puglia, 19,1%).

La quota di disoccupazione a lungo termine, definita come la percentuale di coloro che sono disoccupati da 12 mesi o più, si attesta in media al 45% nell’UE nel 2017. Nelle regioni dell’UE, il tasso più basso di disoccupazione di lunga durata si registra nella regione svedese Övre Norrland (12.8%), poi nel Berkshire, Buckinghamshire e Oxfordshire (13,2%) nel Regno Unito e Bucuresti – Ilfov (13,8%) in Romania. Il Molise si piazza al nono posto tra le regioni europee con il più alto tasso di disoccupazione di lunga durata (72,8%).

(fonte: Eurostat)

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord, Kim Jong-un: «Sconfitto il Covid-19»

Una «eclatante vittoria» contro il Covid-19. L’ha annunciata il dittatore della Corea del Nord, Kim Jong-un, dopo circa due settimane di zero casi registrati ufficialmente…

11 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «La guerra finirà con la liberazione della Crimea»

«Questa guerra russa contro l’Ucraina, contro tutta l’Europa libera, è iniziata con la Crimea e deve finire con la Crimea, con la sua liberazione». Così…

11 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«In Europa nel 45% del territorio la siccità è al livello di attenzione»

In diversi Paesi europei le alte temperature perdureranno nelle prossime settimane, causando un aggravamento della siccità. Lo riferisce l’Osservatorio dell’Unione europea per la siccità, stimando…

11 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaiolo delle scimmie: dal 1° gennaio oltre 27 mila casi a livello globale

Dal 1° gennaio al 7 agosto 2022, sono stati confermati oltre 27 mila casi (27.814) di vaiolo delle scimmie, sparsi in 89 Paesi. Contenuti invece…

11 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia