Cambiamento climatico, l’allarme dell’Onu | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cambiamento climatico, l’allarme dell’Onu

Lo studio indica come limite del surriscaldamento globale un aumento di 1,5 gradi, considerato dagli esperti la soglia massima di sicurezza
di Redazione

È un campanello d’allarme il nuovo rapporto climatico dell’Onu, presentato oggi in Corea del Sud e prodotto dall’IPCC, la commissione dell’Organizzazione dedicata ai temi del riscaldamento globale, a cui hanno preso parte per due anni di lavoro 91 studiosi e 44 paesi. Il testo, steso al fine di definire le linee guida future in ambito ambientale, indica come limite del surriscaldamento globale un aumento di 1,5 gradi, considerato dagli esperti la soglia massima di sicurezza per avere effetti quantomeno gestibili. Gli scienziati dell’IPCC nell’incontro rivedono la soglia dei due gradi già sottoscritta nell’Accordo sul Clima di Parigi del 2015.

Per far sì che si resti al di sotto dell’aumento di 1,5 °C per quanto riguarda la temperatura media mondiale, secondo gli esperti bisognerebbe lavorare su aspetti quali l’energia, le industrie e le infrastrutture, tramite la riduzione di emissione di CO2, la preferenza verso fonti di energia rinnovabile e cessare del tutto il consumo di carbone, dato che, stando alle stime, con i ritmi attuali la soglia della temperatura consigliata si raggiungerebbe già dal 2030. Bisogna tenere conto del fatto che le emissioni inquinanti prodotte dall’uomo hanno già causato l’innalzamento di un grado della temperatura globale da prima della rivoluzione industriale a fine 1800.

Il rapporto, oltre ad offrire soluzioni strutturali, stima che a livello economico l’investimento necessario al raggiungimento dell’obiettivo corrisponderebbe ad una spesa annua del 2,5% del Pil mondiale per i prossimi 20 anni, secondo i calcoli circa 2 mila miliardi dal 2016 al 2030 sarebbero destinati solo per quel che riguarda i sistemi energetici. Sebbene l’investimento per contrastare il riscaldamento globale sia alto e difficile da raggiungere, le ripercussioni monetarie non sono però le uniche citate dal rapporto, né tantomeno le più preoccupanti, infatti gli esperti dell’Onu, pur non volendo creare allarmismi, spiegano i reali rischi che si avrebbero con un aumento anche di mezzo grado centigrado rispetto al limite suggerito: si potrebbe assistere alla scomparsa delle barriere coralline e dei loro ecosistemi marini, il livello dei mari si alzerebbe a livello globale di 10 centimetri, con conseguenze sulla vita di milioni di persone che vivono lungo le coste, gli oceani subirebbero in modo ancora più intenso i processi di acidificazione rispetto agli attuali, con conseguenze molto gravi per la flora e la fauna marina, nonché il clima vedrebbe estati più torride ed eventi climatici estremi, che causerebbero problemi alle coltivazioni.

 

Scrivi una replica

News

Unicredit, nel 2021 l’amministratore delegato lascerà l’incarico

L’amministratore delegato della Unicredit, Jean Pierre Mustier, lascerà il suo incarico a fine mandato, cioè nell’aprile 2021. Mustier ha reso noto che la sua decisione…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, si dimette il consigliere sul Covid

Scott Atlas, consigliere sul Covid dell’amministrazione Trump, si è dimesso. Atlas era un convinto sostenitore dell’immunità di gregge ed era stato scelto da Trump pur…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Von der Leyen: «Entro gennaio i primi vaccini»

«La crisi legata al coronavirus non è ancora finita e l’incertezza continua ma in modo diverso da marzo, oggi sappiamo che c’è una via di…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 119 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spred tra Btp e Bund si è attestato a quota 119 punti.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia