Segnali di risalita: produzione industriale in crescita a gennaio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Segnali di risalita: produzione industriale in crescita a gennaio

L’aumento ad inizio anno arriva dopo quattro mesi consecutivi di cali. In termini tendenziali, però, la variazione è ancora negativa

di Redazione

Nonostante le stime per il futuro non siano granché positive, qualche timido segnale di ripresa si cominciano a intravedere. Dopo la risalita dei consumi a gennaio, nello stesso periodo è la produzione industriale – indicatore fondamentale per misurare lo stato di salute di un’economia – a mettere il segno “+”, a seguito di quattro mesi consecutivi di cali (in termini tendenziali, però, la variazione è ancora negativa).

A gennaio 2019 l’Istituto nazionale di statistica stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dell’1,7% rispetto a dicembre. Nella media del trimestre novembre-gennaio, il livello destagionalizzato della produzione diminuisce dell’1,8% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato mensile mostra aumenti congiunturali diffusi a tutti i comparti; aumenta in misura marcata l’energia (+6,4%) e, con una dinamica meno accentuata, crescono anche i beni di consumo (+2,4%), i beni intermedi (+1,0%) e i beni strumentali (+0,3%).

Corretto per gli effetti di calendario, a gennaio 2019 l’indice è diminuito in termini tendenziali dello 0,8% (i giorni lavorativi sono stati 22, come a gennaio 2018). Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a gennaio 2019 un accentuato aumento tendenziale per l’energia (+11,7%); diminuiscono invece i beni intermedi (-3,3%), i beni di consumo (-2,7%) e, in misura più contenuta i beni strumentali (-1,7%).

I settori di attività economica che registrano le variazioni tendenziali positive più rilevanti sono la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+14,8%), la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+4,4%) e la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+2,2%). Le diminuzioni maggiori si registrano nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-10,5%), nella metallurgia e prodotti in metallo esclusi macchine e impianti (-8,8%) e nell’attività estrattive (-4,6%).

Il trend sembra confermarsi anche altrove. Torna a salire a gennaio, infatti, anche la produzione industriale francese, dopo la frenata registrata a fine 2018.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: diminuisce la mortalità, ma aumentano i contagi

«La fase» di pandemia «che stiamo vivendo» in Italia «non sembra avere le stesse caratteristiche di quella precedente». Lo sottolinea l’Osservatorio Nazionale sulla Salute coordinato…

30 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, due senatori positivi al coronavirus: lavori sospesi

Due senatori del Movimento 5 stelle sono risultati positivi al coronavirus. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, aggiungendo che «come da protocollo tutti i membri…

30 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: «Restano da pagare 294mila casse integrazioni»

Fino al 20 settembre 2020, sono state pagate dall’INPS, l’Istituto nazionale di previdenza sociale, oltre 12 milioni di integrazioni salariali su un totale di 12.314.134.…

30 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Belgio, accordo raggiunto tra sette partiti: il Paese avrà un governo

Il Belgio avrà un governo, a distanza di circa 500 giorni dalle elezioni politiche del 26 maggio 2019. Sette partiti, tra cui i liberali e…

30 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia