Conti pubblici, la Commissione europea ha chiesto una procedura d’infrazione contro l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Conti pubblici, la Commissione europea ha chiesto una procedura d’infrazione contro l’Italia

La Commissione europea ha raccomandato l’apertura di una procedura di infrazione per debito eccessivo nei confronti dell’Italia. Si tratta di una raccomandazione: la Commissione europea non ha il potere di aprire una procedura d’infrazione. A decidere se procedere o meno, con una votazione a maggioranza qualificata, sarà l’Econfin, il Consiglio dell’Unione europea che raggruppa i ministri dell’Economia dei Paesi dell’Eurozona, che si riunirà il 9 luglio. Prima, però, il dossier sarà esaminato dal Comitato economico e finanziario, cioè l’organo tecnico che raggruppa i direttori generali dei ministeri delle Finanze dei singoli Stati.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, via libera del Cts a tamponi rapidi nelle scuole italiane

Il CTS, il Comitato tecnico scientifico, ha dato il via libera alla possibilità di effettuare tamponi rapidi nelle scuole italiane «ai fini esclusivi di screening è possibile…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Guterres: «Dobbiamo agire adesso, altrimenti rischiamo recessione globale»

«Se non agiamo ora, abbiamo davanti una recessione globale che potrebbe spazzare via decenni di sviluppo e rendere completamente fuori portata l’Agenda 2030». Così il…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tensioni Armenia-Azerbaigian, «intensi combattimenti»

Proseguono gli scontri tra Armenia e Azerbaigian nonostante i ripetuti appelli al cessate il fuoco. In particolare, riporta la Tass, l’Azerbaigian riferisce che tra ieri…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Save the Children: «La pandemia ha peggiorato le condizioni dei bambini siriani»

La pandemia ha peggiorato le condizioni dei bambini siriani. Secondo Save the Children, negli ultimi sei mesi il numero di minori in condizioni di insicurezza…

29 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia