Pressione fiscale al 38% nel primo trimestre 2019 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pressione fiscale al 38% nel primo trimestre 2019

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici, afferma l’Istat, è aumentato dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, ma i consumi sono cresciuti in termini nominali dello 0,2% appena

di Redazione

«L’incidenza del deficit del conto delle Amministrazioni pubbliche sul Pil è scesa lievemente rispetto al primo trimestre del 2018, in corrispondenza di una dinamica delle uscite di poco inferiore a quella delle entrate (con incrementi rispettivamente dell’1,4 e dell’1,6%). Il reddito disponibile delle famiglie ha segnato, dopo i due cali consecutivi dei trimestri precedenti, un marcato recupero che, grazie alla frenata dell’inflazione, si è trasferito direttamente in crescita del potere d’acquisto. La risalita del reddito si è tradotta in misura molto limitata in maggiori consumi, mentre è aumentata la propensione al risparmio». Lo spiega l’Istat nel report relativo al primo trimestre sul conto delle amministrazioni pubbliche, reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società.

Nel primo trimestre 2019, entra nel dettaglio l’Istat, l’indebitamento netto delle AP in rapporto al Pil è stato pari al 4,1% (4,2% nello stesso trimestre del 2018). Il saldo primario delle AP (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul Pil dell’1,3% (-0,9% nel primo trimestre del 2018).

Il saldo corrente delle AP è stato anch’esso negativo, con un’incidenza sul Pil dell’1,6% (-1,5% nel primo trimestre del 2018). La pressione fiscale è risultata del 38%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti in termini nominali dello 0,2%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari all’8,4%, in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

A fronte di una variazione nulla del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è anch’esso cresciuto rispetto al trimestre precedente dello 0,9%.

La quota di profitto delle società non finanziarie è scesa al 40,7%, 0,6 punti percentuali più bassa rispetto al trimestre precedente. Il tasso di investimento del settore, pari al 21,1%, è diminuito di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Wef: «Da impatto pandemia minacce all’economia e alla stabilità geopolitica»

«I nostri dati più recenti indicano che l’impatto immediato del Covid-19 sulla disparità e frammentazione sociale nei prossimi 3-5 anni minaccerà l’economia, e nei prossimi…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 95,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 95.642.050. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Conte: «Servono persone capaci di rifuggire gli egoismi»

«Servono un governo e forze parlamentari volenterose, consapevoli delle difficoltà che stiamo attraversando e della delicatezza dei compiti, servono donne e uomini capaci di rifuggire…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Wef: «Per 15 anni, il nostro allarme sui pericoli delle pandemie è stato ignorato»

«Per 15 anni il World Forum ha avvertito il mondo sui pericoli delle pandemie. Nel 2020, abbiamo visto che cosa significa farsi cogliere impreparati e…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia