La “crisi infinita” del commercio | T-Mag | il magazine di Tecnè

La “crisi infinita” del commercio

L’allarme di Confesercenti sui consumi: mai così male negli ultimi quattro anni

di Redazione

Dopo una breve e contenuta ripresa a seguito degli anni più duri della crisi, la spesa delle famiglie è tornata a frenare e se il trend continua in questa direzione il 2019 chiuderà segnando un -0,4% sulle vendite, ovvero una flessione che corrisponde – a livello monetario – a più di un miliardo di euro in meno rispetto al 2018 e che rappresenterebbe il risultato peggiore da quattro anni. 

La flessione, registrata dal rapporto Confesercenti, è diretta conseguenza della diminuzione della spesa delle famiglie italiane tanto che attualmente, su base annuale, esse spendono 2.530 euro in meno rispetto alla spesa registrata nel 2011. La riduzione dei consumi è consistente anche nelle regioni meno colpite dalla crisi: in Lombardia le famiglie hanno ridotto i consumi del 3,5%, in Veneto del 4,4%, dato quest’ultimo che poco si distacca dalla percentuale calabrese dove si è registrata una diminuzione del 4,8% dei consumi.

Anche secondo l’ultimo rapporto dell’Istat, riferito al 2018, la spesa media mensile delle famiglie italiane, di 2.571 euro, seppur invariata rispetto al 2017, era ben lontana dai valori registrati nel 2011, anno in cui era di 2.640 euro al mese.

La contrazione della quota destinata alla spesa condiziona notevolmente, anzi spesso vincola, le scelte di consumo facendole tendere, date le limitazioni, verso preferenze economicamente più accessibili come il web o gli outlet, dove la concorrenza di prezzo è irraggiungibile per un negozio fisico. La combinazione dei due fattori sta avendo un impatto rovinoso sul commercio italiano: ad oggi si contano circa 32 mila negozi in meno. Solo quest’anno si stima la chiusura di oltre cinquemila attività commerciali – 14 al giorno -, e un’attività indipendente su due che chiude entro i primi tre anni dall’apertura. Il clima negativo ha portato a far ridurre di almeno tre miliardi di euro gli investimenti delle imprese.

Se, come ricorda Confesercenti, si pensa che ogni negozio, seppur il più piccolo, chiudendo crea due disoccupati, senza soluzioni strutturali si va a ledere in modo significativo il settore del commercio, volano per la crescita e l’occupazione in Italia. 

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia