Quanto l’intelligenza artificiale contribuirà alla crescita del Pil | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto l’intelligenza artificiale contribuirà alla crescita del Pil

Prova a rispondere McKinsey: in Italia potrebbe aumentare del 13% nel prossimo decennio, a livello europeo l’incremento potrebbe essere del 19%

di Redazione

Secondo il nuovo rapporto della società di consulenza McKinsey, che tenta di quantificare l’impatto economico che l’AI potrebbe avere sui mercati, nel prossimo decennio il Pil dell’Italia potrebbe crescere del 13%, percentuale pari a 228 miliardi di euro, grazie all’impiego delle tecnologie innovative e in particolare dell’intelligenza artificiale. La società stima che l’impatto dell’AI, che rappresenta un’opportunità con ampio margine di crescita da compensare per riacquisire competitività sul mercato mondiale, a livello europeo sarebbe invece un incremento del 19% del Pil entro il 2030, per un valore di 2.700 miliardi di euro. 

Sempre secondo il McKinsey Institute, le previsioni contenute nel report dello scorso anno, stimavano che il possibile contributo dell’AI, nei campi quali computer vision, assistenti virtuali e processi robotizzati, a livello globale sarebbe pari a 13 mila miliardi di dollari entro il 2030. Anche se si sottolineava che l’adozione delle nuove tecnologie potrebbe essere lenta a causa degli iniziali costi di transazione e implementazione.

Nell’ultima analisi dell’Istituto si evidenzia comunque che negli ultimi tre anni in Europa è triplicato il numero di start up, mentre gli investimenti hanno fatto registrare un aumento del 360%, arrivando a 21 miliardi nel 2018, rispetto a cinque anni prima. A livello europeo, secondo lo studio, una parte della spesa comunitaria destinata a prodotti e servizi pubblici potrebbe essere destinata all’innovazione e incentivare gli investimenti anche del settore privato. La necessità di investimenti congiunti nel settore deriva dal gap, ancora da colmare, esistente tra il numero di “unicorni” (start up con un valutazione superiore a un miliardo) europei e americani, e dallo scarso impiego e sviluppo del mercato del venture capital nell’UE.

Le previsioni economiche si accompagnano a quelle degli impatti che l’AI avrebbe sul mondo del lavoro e sulla necessità di adattare la formazione dei giovani: entro dieci anni il mercato europeo vedrà un aumento del 40% delle skills tecnologiche avanzate e del 65% delle competenze di base. 

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia