Quanto si spende per la difesa nel mondo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto si spende per la difesa nel mondo

In questi giorni di vertice Nato è un tema ampiamente dibattuto. In generale, nel 2018, le spese militari sono cresciute per il secondo anno consecutivo

di Redazione

In questi giorni è in corso nel Regno Unito il summit Nato oraganizzato in occasione del 70esimo anniversario dell’Alleanza atlantica. Il vertice non è iniziato sotto i migliori auspici, nonostante l’ottimismo mostrato dal premier britannico e padrone di casa, Boris Johnson. I motivi riguardano le polemiche di Donald Trump – soprattutto con il presidente francese, Emmanuel Macron, ma anche la Germania non è esente da critiche – sulla spesa destinata alla difesa e alla sicurezza dei paesi membri, ritenuta dall’inquilino della Casa Bianca troppo bassa rispetto a quanto investe Washington e lontana dagli obiettivi dell’Alleanza (2% del Pil). Proprio in queste ore i leader Nato hanno annunciato un maggiore impegno per le risorse da destinare alla difesa «in linea con il nostro impegno sancito dall’articolo 3 del trattato di Washington».

Foto di skeeze da Pixabay

Ma quanto si spende nel mondo per la difesa? Si stima che nel 2018 la spesa militare mondiale abbia raggiunto i 1.822 miliardi di dollari, pari al 2,1% del Pil globale: i dati sono contenuti nel rapporto annuale del Sipri (Stockholm International Peace Research Institute). La spesa complessiva, si legge nel rapporto, è cresciuta per il secondo anno consecutivo e ha superato per la prima volta 1,8 trilioni di dollari, con un aumento del 2,6% rispetto al 2017 e del 5,4% rispetto al 2009.

La crescita della spesa complessiva è stata ampiamente influenzata dall’andamento di quella nelle Americhe, in Asia e in Oceania, in particolare dagli aumenti di Stati Uniti e Cina. In Europa, la spesa è cresciuta dell’1,4%, soprattutto a causa dell’incremento in Europa occidentale dove tutti i paesi tranne tre hanno aumentato la loro spesa. La spesa militare in Africa, invece, è diminuita dell’8,4%.

Le polemiche Trump-Macron e altri paesi membri della Nato non sono in verità nuovissime. Non a caso tra il 2017 e il 2018, l’onere militare – la spesa militare in percentuale del Pil – è calata in tutte le regioni fatta eccezione per l’Europa, «dove – spiega il Sipri – c’è stata una spinta da parte degli stati membri della Nato per raggiungere il livello di spesa di riferimento del 2% del Pil entro il 2021. In media, i paesi delle Americhe hanno avuto il più basso onere militare (1,4% del Pil) che sale a 1,6% in Europa, 1,7% in Africa, Asia e Oceania e a 4,4% nei paesi del Medio Oriente per i quali sono disponibili i dati». Stati Uniti, Cina, Arabia Saudita, India e Francia sono i paesi che hanno speso di più: insieme rappresentano il 60% della spesa militare globale. Per la prima volta in sette anni gli Usa hanno aumentato la spesa militare fino a raggiungere i 649 miliardi di dollari. Nel 2018, la spesa militare statunitense ha rappresentato il 36% di quella mondiale ed è stata 2,6 volte superiore a quella della Cina, il secondo paese in classifica.

I fattori che concorrono ad un aumento di spesa possono comunque essere di varia natura. Nel caso statunitense, ad esempio, può essere attribuito a due fattori, spiega il Sipri: l’incremento del 2,4% degli stipendi del personale militare e la messa in atto di costosi programmi di acquisizione di armi convenzionali e nucleari. La Cina, invece, nel 2018 ha stanziato circa 250 miliari di dollari per le forze armate, con un aumento del 5% rispetto al 2017 e del 83% rispetto al 2009. «La spesa militare cinese è pressoché legata alla crescita economica del paese, che nel 2018 ha registrato il livello più basso degli ultimi 28 anni. Per i prossimi anni ci si può quindi attendere una crescita più lenta della spesa militare».

(fonte: Sipri)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 45,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 45.179.529. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Nizza, gruppo tunisino rivendica attacco

La procura antiterrorismo di Tunisi ha aperto un’inchiesta dopo che un sedicente gruppo terroristico “Al Mahdi nel sud della Tunisia” ha rivendicato, tramite un post…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di contagi in Svizzera: 9mila nelle ultime 24 ore

La Svizzera nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 9mila nuovi casi e 52 decessi. A riferirlo sono state le autorità sanitarie alle prese con…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la Francia torna in lockdown

La Francia è tornata in lockdown, ma a differenza di quello primaverile, questa volta rimarranno aperte le scuole, gli uffici, le fabbriche e tutto il…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia