Lavoro: quando le differenze creano malcontento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: quando le differenze creano malcontento

In Italia i livelli occupazionali risultano in miglioramento, ormai da qualche anno. Ma è la qualità del lavoro a marcare disuguaglianze nei redditi e nelle opportunità

di Redazione

Se da una parte in Italia il grado di soddisfazione per la propria posizione lavorativa sembra non registrare particolari stravolgimenti, dall’altra, però, è proprio il lavoro a far crescere in alcune fasce di popolazione un sentimento di rancore. Nello specifico, spiega il consueto Rapporto sociale del Paese del Censis, «il 23,7% degli italiani riconduce la causa del rancore diffuso di questi anni alla crescente disuguaglianza nei redditi e nelle opportunità di lavoro. Il 25% individua in una giustizia troppo favorevole nei confronti dei ricchi, dei privilegiati e dei più spregiudicati un altro elemento che giustifica il risentimento».

Tra il 2013 e il 2018, spiega ancora il Censis, si è ampliata la forbice tra la crescita del Pil e la crescita dei salari reali. Nel 2017 la distanza era di 2,2 punti, nel 2018 a un incremento del Pil del 2% ha corrisposto un aumento dei salari pari allo 0,7%. Il 12,2% degli occupati in Italia è a rischio povertà, non sorprende quindi che 3 italiani su 4 siano favorevoli all’introduzione del salario minimo per legge. La percentuale è più alta tra gli occupati (75,3%) e tra chi dispone di un reddito basso (l’80,7% con un reddito fino a 15.000 euro annui) o medio-basso (il 78,7% con un reddito compreso tra 15.000 e 30.000 euro annui).

Secondo l’ultimo Rapporto Bes 2019 (benessere equo e sostenibile) dell’Istat, risultano in peggioramento nel 2018 gli indicatori che, guarda caso, misurano la qualità del lavoro: si riduce la percentuale di occupati che hanno visto trasformato il loro contratto di lavoro da temporaneo a permanente e rimane sostanzialmente invariata la quota di dipendenti a tempo determinato e collaboratori con contratti a termine da almeno cinque anni. Anche per i lavoratori con bassa paga la situazione resta invariata, mentre si rafforza la quota di occupati sovraistruiti. Peggiora anche il part-time involontario. Infine, aumenta leggermente lo svantaggio occupazionale delle donne da 25 a 49 anni con figli in età prescolare rispetto alle donne senza figli.

Nel 2018, informa sempre l’Istat, il tasso di occupazione della popolazione italiana compresa tra i 20 e i 64 anni è aumentato seppure con una intensità più contenuta rispetto a quella dell’anno precedente (+ 0,7 punti percentuali rispetto al 2017). La decelerazione ha interessato soprattutto le donne (da +0,9 punti percentuali nel 2017 a + 0,6 punti nel 2018). Nel 2018 la percentuale delle donne che lavora supera il 53% con un incremento occupazionale femminile negli ultimi cinque anni di circa 2,8 punti percentuali. Il 72,2% dei residenti nel Nord Italia in età compresa tra 20 e 64 anni lavora, percentuale che scende al 67,8% al Centro e registra valori di poco superiori al 48% nel Mezzogiorno. Particolarmente penalizzata è la componente femminile residente nelle regioni del Mezzogiorno dove solo circa 35 donne su 100 lavorano (64% al Nord e poco meno del 60% al Centro).

Nel 2018 continua a diminuire il tasso di mancata partecipazione (-0,8 punti percentuali), attestandosi ad un valore di poco inferiore al 20%. I valori del tasso restano comunque lontani dai livelli pre-crisi, che oscillavano intorno al 15%. La riduzione del tasso di mancata partecipazione al lavoro interessa tutte le aree della Penisola. Questo valore rimane comunque alto nelle regioni del Mezzogiorno (34,7%) soprattutto per le donne (42,3%).

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia