I ritardi dell’Italia in ricerca e sviluppo | T-Mag | il magazine di Tecnè

I ritardi dell’Italia in ricerca e sviluppo

Un’annosa questione, riaperta alla luce della vicenda legata all’isolamento del coronavirus allo Spallanzani

di Redazione

«Dopo l’isolamento del coronavirus allo Spallanzani, ecco un buon punto concreto per il confronto nella maggioranza. Rilanciamo la nostra proposta del Piano per l’Italia: l’aumento dei fondi per la ricerca e l’assunzione di 10 mila ricercatori». Così scrive in un post su Facebook il leader del Partito democratico, Nicola Zingaretti. In effetti la questione legata all’isolamento del coronavirus annunciata nella giornata di domenica è stata anche l’occasione per un’immediata riflessione sul ruolo della ricerca in Italia. Una delle ricercatrici alle quali si deve l’isolamento del virus, infatti, risulta essere precaria. E in generale, è noto, l’Italia si posiziona agli ultimi posti per investimenti in ricerca e sviluppo.

Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Stando alla recente relazione su ricerca e innovazione in Italia del Cnr, si scopre che, pur in presenza di un miglioramento avvenuto tra il 2000 e il 2016 con gli investimenti in R&S tornati a crescere (dall’1% all’1,4%), l’Italia si colloca al di sotto di molti partner europei, dove il rapporto tra investimenti in R&S e Pil è quasi del 2%.

Per quanto riguarda il numero di ricercatori presenti nel nostro paese, anche qui presentiamo delle criticità, nonostante si sia registrata a partire dal 2005 una crescita di circa 60 mila unità. La maggior parte dei ricercatori opera in ambito universitario, anche se il numero (oltre 75 mila) è stabile da diverso tempo, mentre sono aumentati nel periodo considerato (2005-2016) soprattutto quelli nelle imprese private (che sono oltre 70 mila).

Altra questione che è emersa alla luce della vicenda delle ricercatrici dello Spallanzani è quella legata all’essere, appunto, donne. Secondo le stime, entro il 2025 il divario di genere potrebbe sparire o comunque ridursi notevolmente nelle istituzioni pubbliche e nelle università. Ciò sarà dovuto principalmente ad un incremento di ricercatrici, le quali però restano più penalizzate nella progressione di carriera dei colleghi uomini.

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia