Lavorare nei casi di emergenza: lo smart working | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavorare nei casi di emergenza: lo smart working

Tra le misure messe in atto per contrastare la diffusione del coronavirus, un decreto mira a favorire il lavoro agile per i dipendenti nelle aree più colpite

di Redazione

I numeri del coronavirus in Italia e la rapidità del contagio hanno fatto preoccupare le istituzioni e le imprese attive nell’area più produttiva del paese. Uno dei decreti attuativi messi in campo per l’emergenza, nell’ambito lavorativo, favorisce l’implementazione dello smart working nelle aree indicate come maggiormente a rischio. Il decreto, già pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, prevede quindi che i lavoratori possano usufruire della modalità di lavoro agile anche in quelle aziende che non hanno ancora stipulato accordi con i dipendenti: di norma, infatti, le aziende devono sottoscrivere accordi individuali e informare sia l’Inail che il Ministero del Lavoro.

Quindi le procedure per attuare programmi di smart working richiedono tempo, ma nell’attuale situazione di emergenza l’obiettivo è quello di facilitare il lavoro agile. Lo smart working è utilizzato con il doppio scopo di contenere la diffusione del contagio della malattia e di evitare il calo della produttività e lo stop delle attività nelle aree più colpite dal virus.

Lo stato di emergenza diventa in questo modo anche una prova per lo smart working in Italia, per testarne l’effettiva efficacia e realizzabilità. Secondo l’ultimo report dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, pubblicato ad ottobre, nel paese il 58% delle grandi imprese ha avviato già progetti di Smart Working, percentuale in crescita rispetto al 56% del 2018, mentre un 7% di aziende ha già attivato iniziative informali e un ulteriore 5% che prevedeva di farlo nei prossimi dodici mesi.

In totale quindi sono circa 570 mila i dipendenti che possono scegliere di lavorare in modalità smart, in aumento del 20% rispetto ai dati rilevati nel 2018. Per quelle grandi aziende che già adottano o prevedevano di adottare misure di smart working, attuare il decreto significa soltanto estendere a tutti i dipendenti le procedure già in atto per alcuni. Tra queste, aziende quali Eni, Wind, Enel, hanno già deciso per la giornata di oggi e domani modalità di facilitazione per tutti i dipendenti delle sedi nelle regioni interessate dal virus, mentre lo hanno predisposto per i dipendenti con residenza nei comuni isolati.

Mentre per quelle imprese che ancora non avevano previsto piani di smart working, lo stato di emergenza e quindi l’imposizione del lavoro agile -seppur più complesso da attuare perché senza un’esperienza già testata – farebbe comunque diminuire le perdite economiche e al contempo ridurre le reticenze riguardanti la modalità smart.

Inoltre, secondo l’Osservatorio, i dipendenti che godono di flessibilità oraria sono anche maggiormente soddisfatti del proprio lavoro, il 76% rispetto al 56% di lavoratori tradizionali soddisfatti, e , nonostante la distanza dalla sede, uno su tre afferma di sentirsi coinvolto nella realtà aziendale contro il 21% dei colleghi in sede.

Il test per lo smart working in Italia è, in questo caso specifico, funzionare durante l’emergenza, quindi a pieno regime e non solo per alcune categorie di dipendenti come sperimentazione temporanea, ma anche quello di dimostrare l’efficacia dei programmi di lavoro flessibile.

 

1 Commento per “Lavorare nei casi di emergenza: lo smart working”

  1. […] sulle misure straordinarie per imprese e lavoratori delle aree interessate dal contagio, e predisposto lo smart working per i lavoratori residenti negli undici comuni […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, principe di Svezia e sua moglie sono positivi

Il principe di Svezia, Carlo Filippo (41 anni) e sua moglie, sono risultati positivi al coronavirus. I contagi in Svezia continuano a salire e tra…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue: «Decisione su sci è di competenza nazionale»

«La decisione sull’attività sciistica è di competenza nazionale, non europea. Occorre prudenza nel revocare le misure anti-Covid perché questo può provocare la recrudescenza del virus».…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 60milioni di casi nel mondo

Sono 60.392.439 i casi di coronavirus accertati a livello globale dall’inizio della pandemia, con 1.421.308  decessi e 38.704.717 guariti. Lo ha reso noto la John…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa oltre 2400 morti nelle ultime 24 ore

Sono oltre 2400 le morti causate negli Usa nelle ultime 24 dal Covid. Si tratta del bilancio peggiore degli ultimi sei mesi. Il Paese ha…

26 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia