Fatturato e ordinativi dell’industria a febbraio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fatturato e ordinativi dell’industria a febbraio

Fatturato dell’industria -2,1% rispetto al mese precedente, calo congiunturale degli ordinativi del 4,4%: i dati Istat

di Redazione

A febbraio si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, diminuisca del 2,1% rispetto al mese precedente; nella media degli ultimi tre mesi l’indice generale è rimasto pressoché stabile, con una variazione del +0,1% rispetto alla media dei tre mesi precedenti. Anche gli ordinativi registrano a febbraio un calo congiunturale del 4,4%, mentre nella media degli ultimi tre mesi sono aumentati dello 0,4% rispetto alla media dei tre mesi precedenti. Così l’Istat e fatturato e ordinativi dell’indutria a febbraio.

La dinamica congiunturale del fatturato riflette variazioni negative sia sul mercato interno (-2,3%) sia su quello estero (-1,5%). Per gli ordinativi la diminuzione congiunturale deriva da andamenti analoghi per le commesse provenienti dal mercato interno e per quelle provenienti dall’estero (-4,4% le prime e -4,3% le seconde).

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, prosegue l’Istat, a febbraio tutti gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un calo congiunturale: -1,0% i beni di consumo, -1,3% i beni intermedi, -1,4% i beni strumentali e, in misura molto più accentuata, l’energia (-11,5%).

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 20 come a febbraio 2019), il fatturato totale cresce in termini tendenziali dello 0,9%, sintesi di una modesta riduzione dello 0,3% per il mercato interno e un marcato aumento del 3,3% per quello estero.

Con riferimento al comparto manufatturiero, il settore dei mezzi di trasporto registra la crescita tendenziale più rilevante (+14,1%), mentre l’industria della raffinazione del petrolio mostra il calo maggiore (-9,2%).

In termini tendenziali l’indice grezzo degli ordinativi diminuisce del 2,6%, con una marcata riduzione del mercato interno (-4,2%) e una sostanziale stabilità per quello estero (-0,2%). La maggiore crescita tendenziale si registra nell’industria farmaceutica (+8,3%), mentre il peggior risultato si rileva nell’industria tessile e dell’abbigliamento (-9,1%).

Nel corso della fase di rilevazione vi è stata una moderata riduzione del tasso di risposta delle imprese, conseguente all’emergenza sanitaria in corso. Le azioni messe in atto per fare fronte a queste perturbazioni nella fase di raccolta dei dati (si veda Nota metodologica, pag. 10) hanno consentito di elaborare e diffondere gli indici relativi al mese di febbraio 2020.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Colpo di Stato in Sudan, arrestato il primo ministro

Colpo di Stato in Sudan, dove i militari hanno arrestato il primo ministro Abdalla Hamdok, oltre ad alcuni membri civili del consiglio sovrano di transizione…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, casi in aumento anche in Germania

L’aumento dei contagi in Germania – il Robert Koch Institut ha segnalato una crescita dell’incidenza settimanale su 100 mila abitanti passata a 110,1 – sta…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, record negativo lira dopo espulsione ambasciatori

La lira turca ha toccato un nuovo record negativo dopo l’espulsione ordinata dal presidente Recep Tayyip Erdogan di dieci ambasciatori occidentali nel paese, tra i…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

«A livello globale, 4,5 miliardi di persone sono iscritte ai social network»

Ad ottobre 2021, il numero degli utenti a livello mondiale dei social media ha raggiunto quota 4,5 miliardi. Lo rende noto rapporto Digital 2021 October…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia