Gli effetti dell’epidemia sull’economia sono già evidenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli effetti dell’epidemia sull’economia sono già evidenti

Non solo il prossimo mese ma tutto il prossimo trimestre, sarà dunque difficilissimo e influenzerà in modo negativo l’intero dato annuale. Occorrerà tener conto di un atteggiamento molto cauto verso i consumi da parte delle famiglie

di Fulvio Fammoni*

A marzo 2020 l’indice Istat della produzione industriale precipita, diminuendo di ben il 28,4% rispetto a febbraio e ancor di più se corretto per gli effetti di calendario (22 giorni lavorativi a marzo 2020 contro 21 a marzo 2019).

La media del I° trimestre – rispetto a quello precedente – è solo in parte migliore (-8,4%) perché gli effetti dell’epidemia nei primi due mesi dell’anno non si erano ancora manifestati in termini di blocco delle attività, di calo della domanda interna ed internazionale ed anche perché i tre ultimi mesi del 2019 avevano comunque registrato un costante calo della produzione industriale. Si tratta della maggior diminuzione dall’inizio delle rilevazioni nel 1990, decisamente più alta anche di quella del periodo 2008-2009.

Gli effetti dell’epidemia sono evidenti e diversificati fra i settori di attività economica. Tutti sono in calo, ma i dati peggiori a marzo riguardano le attività manifatturiere e in particolare, la fabbricazione di mezzi di trasporto (-52%), il tessile e l’abbigliamento (-51%), la metallurgia (-37%), la fabbricazione di macchinari ed attrezzature (-40%). Cali più attenuati riguardano la produzione di prodotti farmaceutici (-9%) e le industrie alimentari (-6,5%), queste ultima nel trimestre mantengono una dinamica stazionaria.

Dati attesi, ma non per questo meno gravi, che proseguiranno sicuramente per il blocco delle attività ad aprile. Nei mesi successivi, l’andamento dell’epidemia sarà decisivo.

In ogni caso, occorrerà tener conto, come in tutti i periodi di grande crisi, di un atteggiamento molto cauto verso i consumi da parte delle famiglie, sia nella quantità che nella scelta della qualità dei prodotti; della storica propensione verso il risparmio sicuramente intaccato dalla crisi e della forte crescita della povertà; delle difficoltà nella domanda estera, fattore particolarmente importante in un paese esportatore come il nostro; dall’accumulo di scorte nelle imprese che erano state reintegrate a inizio anno e non utilizzate; dalla ripresa delle attività a ritmo ridotto da parte di molte imprese, con un uso molto elevato della cassa integrazione; dal pericolo di disoccupazione e chiusura di aziende.

Non solo il prossimo mese ma tutto il prossimo trimestre, sarà dunque difficilissimo e influenzerà in modo negativo l’intero dato annuale; per questo sono necessari ed urgenti interventi straordinari a sostegno dell’economia e dell’occupazione, sia italiani che europei, ma non sono neanche più rinviabili le scelte di fondo sul futuro della nostra economia e produzione da troppi anni piatte e nell’ultimo anno pre-covid in costante calo.

*presidente Fondazione Di Vittorio

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia