La crisi del turismo estivo | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi del turismo estivo

A giugno si registrano perdite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, tuttavia le prenotazioni per luglio e agosto e le presenze durante gli ultimi weekend portano a prevedere una ripresa delle attività. Pesa l’incertezza

di Redazione

L’estate 2020, che già si preannunciava difficile, è iniziata con segno negativo per gli operatori e imprenditori balneari che, oltre alle conseguenze sul turismo dovute all’emergenza coronavirus, hanno dovuto fare i conti con un giugno caratterizzato da maltempo anomalo rispetto agli anni passati. In un mese in cui generalmente le spiagge erano già piene, i dati del SIB, il Sindacato Italiano Balneari, confermano un calo delle presenze in tutte le regioni:  le perdite maggiori ci sono state nelle spiagge di Sardegna, Lazio e Molise che rispettivamente hanno fatto segnare l’80% e il 75% in meno di presenze rispetto a giugno del 2019. Seguono poi Campania e Basilicata che perdono il 70% delle presenze e Friuli Venezia-Giulia e Sicilia, che segnano entrambe il 65% in meno. Perdite più contenute, ma significative, si registrano in Emilia Romagna e Puglia, entrambe con il 40% di bagnanti in meno e Toscana, -30%. Le stime e le prenotazioni per luglio e agosto e le presenze durante gli ultimi weekend, portano a prevedere tuttavia una ripresa delle attività.  

Non sono state solo le spiagge a perdere affluenza lo scorso mese, secondo i dati della Coldiretti, quest’anno si contano 10 milioni di turisti in meno in Italia, tra italiani e stranieri, nel solo mese di giugno. Quasi 4 milioni di italiani, un calo del 54% rispetto allo scorso anno, hanno rinunciato a prendere le ferie a giugno per le incertezze e le difficoltà economiche generate dal coronavirus, a cui si aggiungono le partenze bloccate per oltre 6 milioni di turisti stranieri che in media pernottano in Italia nel mese.

Tedeschi e nordeuropei fanno segnare ancora poche presenze dalla riapertura delle frontiere, mentre completamente bloccati sono stati i turisti extraeuropei, soprattutto di Cina, Giappone e Stati Uniti. Un significativo calo delle presenze si verificherà, sempre secondo la Coldiretti, anche nei prossimi mesi protraendosi per tutta la stagione estiva, a causa proprio delle frontiere chiuse per gli statunitensi che sono i più numerosi tra gli extraeuropei e costerebbero all’Italia sia in termini di presenze, con 1,4 milioni di presenze in meno, che in termini economici, la spesa estiva dei turisti Usa è di 1,8 miliardi in Italia.

A tentare di sopperire, almeno in parte, al minor numero di presenze straniere, è il fenomeno delle “vacanze patriottiche”, secondo l’analisi Coldiretti/Ixe’, dei 34 milioni di italiani che andranno in vacanza, il 93% – contro l’86% dello scorso anno – trascorrerà nel paese l’estate 2020. Nello specifico, la maggior parte opterà per il turismo di prossimità, pochi giorni di vacanza in località vicino casa.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, primo caso di Omicron anche in Giappone

La variante Omicron è arrivata anche un Giappone, dove un uomo di 30 anni è risultato positivo al Covid-19 dopo esser rientrato dalla Namibia.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, G7: “Omicron altamente trasmissibile e richiede un’azione urgente”

“La variante Omicron è ‘altamente trasmissibile’ e richiede un’azione urgente”. E’ quanto hanno affermato i ministri della Salute del G7. Ad oggi sono 33 i casi…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel III trimestre Pil aumenta del 2,6%”

“Nel terzo trimestre del 2021 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia