I consumi culturali sono sempre più digitali | T-Mag | il magazine di Tecnè

I consumi culturali sono sempre più digitali

Il trend si è consolidato nella fase di lockdown durante l’emergenza sanitaria, ma già da prima le piattaforme e i servizi online erano tra gli strumenti più utilizzati per la fruizione di contenuti

di Redazione

Il digitale ha accompagnato il periodo del lockdown ed è stato il canale fondamentale e privilegiato, anche perché in molti casi l’unico possibile, di tutta una serie di attività quali la spesa, lo shopping, l’intrattenimento e il consumo culturale. Già dall’inizio della chiusura del paese si è rilevato l’incremento di servizi quali piattaforme di streaming e utilizzo di internet, che si sono dimostrati ottimi canali anche per la diffusione della cultura.

Un’indagine condotta da Impresa cultura Italia-Confcommercio, in collaborazione con la società di ricerca Swg, ha evidenziato sei cambiamenti e un effetto fortissimo del coronavirus e del lockdown sui consumi culturali degli italiani, mostrando proprio una crescita significativa dei consumi e dei servizi digitali e una profonda crisi dell’offerta dal vivo che si stava vivendo già prima dell’emergenza.

In generale si è assistito ad un aumento del 47% dei consumi televisivi durante il lockdown, con una crescita marcata per le piattaforme streaming in abbonamento, che in questo periodo hanno registrato un incremento del 34% dell’utilizzo, quindi di coloro che hanno ammesso di averne fruito di più, e dei canali a pagamento, del 20%.

Anche la lettura di libri è stata un’attività incrementata nei mesi appena passati, per il 14% degli intervistati. Nello specifico, anche in questo caso, il digitale ha contribuito all’aumento registrato: durante il lockdown un lettore su sei ha dichiarato di avere abbandonato la versione cartacea in favore di quella digitale. In particolar modo sono state preferite le versioni online di quotidiani, riviste e fumetti, mentre solo l’8% dei lettori di libri è passato nei mesi di chiusura, completamente alla lettura di e-book e il 18% che ha letto più spesso che in passato libri versione digitale.

Pur con l’incremento rilevato della lettura e pur essendo state le librerie le prime attività economiche a riaprire, secondo il primo Osservatorio Ali di Confcommercio, dopo il periodo di emergenza oltre il 90% delle librerie italiane ha segnalato un peggioramento dell’andamento economico della propria attività a causa della pandemia.

Al contrario delle altre attività culturali la cui digitalizzazione era già utilizzata prima del lockdown, la versione “smart” non è decollata per gli spettacoli dal vivo, che sono stati seguiti principalmente da quei fruitori che già prima della pandemia tendevano ad assistere a queste attività soprattutto in forma gratuita, e per le visite virtuali nei musei e siti archeologici. Infatti, solo il 4% ha usufruito di quest’ultima offerta culturale, mentre la maggior parte non ha sfruttato di questa possibilità sia perché non ne era a conoscenza, il 28% del totale, sia per libera scelta, il 51%.

Per quanto riguarda gli spettacoli dal vivo, seppure poco seguiti durante il lockdown, segnano la voglia di ripartire con circa un intervistato su tre che si dice disponibile a pagare di più per assistere a eventi culturali di questo tipo, mentre la quota supera 50% tra gli appassionati.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia