Abi: «Non possiamo costringere i clienti a prestiti garantiti» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Abi: «Non possiamo costringere i clienti a prestiti garantiti»

«Le banche sono pienamente impegnate ad istruire ogni domanda venga loro presentata, ma non possono e non debbono tentare di costringere i clienti a presentare domande se i clienti non sono interessati a farlo». È scritto dall’Abi nel comunicato sull’aggiornamento dei dati per i finanziamenti garantiti dallo Stato, giunti a 54,2 miliardi di euro. «Per questo – si legge ancora – è impossibile che tutti coloro che hanno i requisiti per presentare domande di liquidità, ne facciano richiesta alle banche. A ieri, 16 luglio, i finanziamenti richiesti dalle banche al Fondo di Garanzia sono cresciuti di un miliardo di euro a 54,2 miliardi, per 854 mila domande pervenute, di cui, fino a 30 mila euro, 14,6 miliardi, per circa 739 mila domande».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Spadafora: «Fino a mille spettatori agli eventi sportivi all’aperto»

«Finalmente già a partire dalle semifinali e dalle finali degli Internazionali di tennis potranno assistere mille spettatori a tutte le competizioni sportive che si terranno all’aperto…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, formalizzato accordo tra la Commissione europea e Sanofi-Gsk per 300 milioni dosi di vaccino

È stato formalizzato l’accordo tra la Commissione europea e il duo Sanofi–GSK, due case farmaceutiche europee – la prima è francese, britannica la seconda –,…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

M5s, espulso il deputato Marco Rizzone

Il Movimento 5 stelle ha espulso il deputato Marco Rizzone. Lo ha annunciato il M5s, con un post scriptum che accompagna un post, pubblicato sul…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, TikTok vietata dal 20 settembre

Il dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha emesso un ordine che impedisce a chi si trova negli Usa di scaricare le app TikTok e…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia