Le conseguenze degli eventi climatici estremi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le conseguenze degli eventi climatici estremi

Il verificarsi di questi eventi compromette anche l’economia, mettendo a rischio le coltivazioni con un costo, secondo i calcoli della Coldiretti, per oltre 14 miliardi di euro in un decennio

di Redazione

Al contrario della scorsa estate che ha fatto registrare livelli record di alte temperature, quest’anno, secondo le previsioni del Centro Europeo, le temperature saranno in media o poco al di sopra – massimo di 0,5 gradi -, ma il clima sta comunque provocando ingenti danni, anche in questa estate 2020, come riportato dalle recenti di cronache di violenti nubifragi in alcune zone d’Italia.

Secondo quanto emerge da una elaborazione di Coldiretti su dati dell’European Severe Weather Database, dall’inizio dell’anno ad oggi in tutta Italia si sono verificati 71 nubifragi con precipitazioni violente e bombe d’acqua, con un aumento del 31% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’aumentare degli eventi estremi, secondo la Coldiretti è un evidente conseguenza dei cambiamenti climatici anche in Italia dove si evidenzia già da tempo una tendenza alla tropicalizzazione, che si caratterizza per un’elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense.

Già da maggio il Global Climate Risk aveva classificato l’Italia 21 esimo posto nel mondo per impatti da eventi climatici estremi – alternanza di ondate di calore, inondazioni e tempeste. Oltre ad inserire il paese tra le aree che nei successivi sei mesi sarebbero state colpite da siccità e caldo estremo.

Il verificarsi di questi eventi compromette anche l’economia, mettendo a rischio le coltivazioni con un costo, secondo i calcoli della Coldiretti, per oltre 14 miliardi di euro in un decennio in termine di perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Ad aumentare la frequenza e la gravità degli eventi estremi concorre anche il consumo del suolo: negli ultimi 25 anni sono sparite il 28% delle campagne, l’erosione di aree agricole a beneficio di asfalto ed edifici causa il fenomeno dell’impermeabilizzazione del terreno che fa aumentare il rischio di alluvioni anche nei centri urbani. Secondo l’elaborazione Coldiretti su dati di Ispra, la conseguenza è l’aumento a 7.275 dei comuni complessivamente a rischio frane e alluvioni, che rappresentano il 91,3% del totale in Italia.

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia