Investimenti pubblici e privati per la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Investimenti pubblici e privati per la ripresa

L’andamento dell’economia nazionale è nella media dell’eurozona, ma il calo del nostro Pil avviene dopo anni di sviluppo piatto che addirittura nel 2019 non aveva ancora recuperato i livelli del 2008

di Fulvio Fammoni*

Dopo il pesante calo del Pil nel 2° trimestre 2020, con la ripresa delle attività in molti settori, era atteso un rimbalzo dell’economia che dovrebbe portare ad un 3° trimestre in crescita. I dati di luglio ed agosto relativi a produzione, ore lavorate, consumi energetici e andamento della fatturazione elettronica, vanno in questa direzione.

Naturalmente, l’effettiva quantità di questa crescita sarà dirimente per iniziare a valutare l’andamento dell’intero 2020 (ricordiamo che la variazione del Pil acquisita fino a questo punto è del -14,7% su base annua). Per chiudere il 2020 con un calo del prodotto interno lordo sotto le due cifre, non basta un rimbalzo nel 3° trimestre, ma occorrerà anche un 4° trimestre con chiusura positiva.

L’andamento dell’economia nazionale è nella media dell’eurozona, così come quello delle previsioni dell’indice di fiducia europeo, ma l’Italia merita una ulteriore specifica valutazione perché a differenza di altre nazioni il calo del nostro Pil avviene dopo anni di sviluppo piatto che addirittura nel 2019 non aveva ancora recuperato i livelli del 2008.

Dalla lettura dei dati emergono indicazioni sugli interventi che andrebbero prioritariamente sviluppati. Punti importanti della caduta del Pil sono stati il calo della domanda interna, delle esportazioni e degli investimenti. L’Italia è un paese esportatore; nel mese di luglio si è verificata una ripresina delle vendite all’estero, ma occorrerà evitare che le tendenze già manifestatesi in alcuni paesi volte a privilegiare la produzione interna, non si trasformino in meccanismi protezionistici.

In ogni caso, ma anche in relazione a questo, occorre programmare un incremento della domanda interna e dei consumi, in particolare attraverso nuova occupazione e riforma fiscale. Nell’immediato, la stipula di CCNL per milioni di lavoratori, con aumenti contrattuali che, come è noto, si trasformano per l’80% in consumi, costituirebbe un forte incentivo.

Infine, la parte conclusiva del rapporto Istat si concentra sulla necessità di far ripartire investimenti pubblici e privati. Nel 2019 la quota degli investimenti sul Pil è risultata del 18,1%, inferiore a quella media dell’area euro e ancora lontana dal 21,3% del 2008.

Nei prossimi mesi, sarà decisiva l’evoluzione della situazione sanitaria che resta per tutti la priorità, ma sono queste alcune leve sulle quali agire, anche utilizzando le risorse europee a disposizione.

*Presidente Fondazione Di Vittorio

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «Penso che il processo di impeachment contro Trump vada fatto»

«Penso che vada fatto». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, commentando alla CNN il processo per impeachment nei confronti del suo…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, impeachment contro Trump va al Senato: processo inizierà l’8 febbraio

L’articolo per l’impeachment di Donald Trump, inviato dalla speaker della Camera Nancy Pelosi, è arrivato in Senato. L’articolo è stato letto dal deputato Jamie Raskin,…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Crisi senza alcun senso. È il momento della verità»

«Crisi di governo senza alcun senso, mentre stiamo lottando contro i colossi farmaceutici che ci hanno bloccato le forniture di vaccini. Dovrebbe esserci un Governo…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo: Conte si è dimesso da presidente del Consiglio

«Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Avv. Giuseppe Conte, il…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia