Investimenti pubblici e privati per la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Investimenti pubblici e privati per la ripresa

L’andamento dell’economia nazionale è nella media dell’eurozona, ma il calo del nostro Pil avviene dopo anni di sviluppo piatto che addirittura nel 2019 non aveva ancora recuperato i livelli del 2008

di Fulvio Fammoni*

Dopo il pesante calo del Pil nel 2° trimestre 2020, con la ripresa delle attività in molti settori, era atteso un rimbalzo dell’economia che dovrebbe portare ad un 3° trimestre in crescita. I dati di luglio ed agosto relativi a produzione, ore lavorate, consumi energetici e andamento della fatturazione elettronica, vanno in questa direzione.

Naturalmente, l’effettiva quantità di questa crescita sarà dirimente per iniziare a valutare l’andamento dell’intero 2020 (ricordiamo che la variazione del Pil acquisita fino a questo punto è del -14,7% su base annua). Per chiudere il 2020 con un calo del prodotto interno lordo sotto le due cifre, non basta un rimbalzo nel 3° trimestre, ma occorrerà anche un 4° trimestre con chiusura positiva.

L’andamento dell’economia nazionale è nella media dell’eurozona, così come quello delle previsioni dell’indice di fiducia europeo, ma l’Italia merita una ulteriore specifica valutazione perché a differenza di altre nazioni il calo del nostro Pil avviene dopo anni di sviluppo piatto che addirittura nel 2019 non aveva ancora recuperato i livelli del 2008.

Dalla lettura dei dati emergono indicazioni sugli interventi che andrebbero prioritariamente sviluppati. Punti importanti della caduta del Pil sono stati il calo della domanda interna, delle esportazioni e degli investimenti. L’Italia è un paese esportatore; nel mese di luglio si è verificata una ripresina delle vendite all’estero, ma occorrerà evitare che le tendenze già manifestatesi in alcuni paesi volte a privilegiare la produzione interna, non si trasformino in meccanismi protezionistici.

In ogni caso, ma anche in relazione a questo, occorre programmare un incremento della domanda interna e dei consumi, in particolare attraverso nuova occupazione e riforma fiscale. Nell’immediato, la stipula di CCNL per milioni di lavoratori, con aumenti contrattuali che, come è noto, si trasformano per l’80% in consumi, costituirebbe un forte incentivo.

Infine, la parte conclusiva del rapporto Istat si concentra sulla necessità di far ripartire investimenti pubblici e privati. Nel 2019 la quota degli investimenti sul Pil è risultata del 18,1%, inferiore a quella media dell’area euro e ancora lontana dal 21,3% del 2008.

Nei prossimi mesi, sarà decisiva l’evoluzione della situazione sanitaria che resta per tutti la priorità, ma sono queste alcune leve sulle quali agire, anche utilizzando le risorse europee a disposizione.

*Presidente Fondazione Di Vittorio

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 187 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 187 punti.…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cybersicurezza, Palazzo Chigi: «Nell’attacco non sono stati colpiti settori critici»

«In merito all’attacco hacker verificatosi su scala mondiale, la riunione tenuta stamane a Palazzo Chigi, coordinata dal Sottosegretario con la delega alla Cybersecurity Alfredo Mantovano,…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Benzinai, sanzioni da 200 a 200mila euro per chi viola gli obblighi di comunicazione dei prezzi

Sanzioni da 200 a 2mila euro, a seconda del fatturato, per chi viola gli obblighi di comunicazione ed esposizione dei prezzi dei carburanti. E’ quanto…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Carburanti, prezzi ancora in calo

Nonostante l’embargo al petrolio russo continuano a calare i prezzi dei carburanti. Nel dettaglio, in base all’elaborazione di Qe dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia