Vantaggi e svantaggi del “south working” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Vantaggi e svantaggi del “south working”

Un fenomeno nato in una fase di prolungato smart working, potrebbe essere proposto ancora a lungo. Ma con quali effetti?

di Redazione

In Italia si è disccusso a lungo del south working, ovvero una nuova declinazione del lavoro agile che prevede lavorare da remoto per aziende del Nord, ma restando fisicamente al Sud. La tendenza è iniziata spontaneamente durante il lockdown quando si è verificato il controesodo di studenti e lavoratori da regioni del Nord nei propri paesi di origine, generalmente nel meridione, dove sono rimasti continuando lo studio e il lavoro, poi per tutto il periodo della quarantena.

La definizione del fenomeno nasce e diventa quasi necessaria nel momento in cui si inizia a pensare al south working come una pratica più duratura nel tempo e non una soluzione limitata ai mesi di quarantena. Se ha funzionato durante il lockdown, perché non dovrebbe funzionare anche dopo? È questa la domanda che muove le community online e i gruppi Facebook che racchiudono i south workers.

Tale modalità di lavoro potrebbe essere vista come una nuova concezione dello smart working: tornare a lavorare nel sud, ormai spopolato a causa dell’emigrazione nelle regioni del nord o all’estero, per studio e lavoro. Di certo il south working non elimina il problema dei ritardi occupazionali nel Mezzogiorno, ma potrebbe alleggerire il divario Nord-Sud, anche a livello di infrastrutture digitali che sarebbero in questo caso ancora più essenziali e incentivate. Se il progetto di essere impiegati da remoto per un’azienda del nord e lavorare fisicamente al sud fosse possibile e realizzato, aprirebbe nuovi scenari nel mondo del lavoro, ma costituirebbe un problema per il nord e in senso più ampio per tutte quelle grandi città che si mantengono anche grazie ai fuori sede – studenti e lavoratori -, con il rischio di mandare in crisi settori interi, come quello immobiliare, o della ristorazione, se si pensa già solo a tutti i ristoranti e bar in difficoltà nelle zone degli uffici a causa, in parte, proprio dello smart working.

Il concetto del south working, in senso più ampio e proiettato su scala nazionale, potrebbe fare inoltre riferimento al lavoro svolto a distanza nel paese di origine, quindi avrebbe l’obiettivo di far rifiorire i piccoli centri e i borghi, spesso abbandonati in tutta Italia.

In questa direzione si colloca il progetto sea working di Brindisi che si candida ad essere città ideale per il south working per i suoi cittadini, ma anche per i vicini che per il lavoro agile preferiscono una meta più vicina a casa, offrendo la possibilità di lavorare in uffici vista mare, e addirittura su una barca a vela ormeggiata al porto. Mentre ancora più avanzata è il progetto Santa Flora Smart Village del comune in Toscana che proponendosi come vera e propria sede per gli smart workers, prevede incentivi del 50% sull’affitto per tutti i lavoratori che vogliono trasferirsi per un periodo nel borgo per lavorare da remoto. L’idea del comune è quella di stimolare, tramite incentivi, il lavoro in un contesto rilassante così da attrarre persone o nuclei familiari e favorire il ripopolamento.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia