I cittadini non comunitari in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I cittadini non comunitari in Italia

In calo i nuovi permessi nei primi sei mesi del 2020 sullo stesso periodo del 2019, ma in generale la tendenza era stata osservata già prima della pandemia

Nei primi sei mesi del 2020 sono stati concessi a cittadini non comunitari circa 43 mila nuovi permessi di soggiorno (meno della metà del primo semestre 2019). Ma in generale la diminuzione dei flussi in ingresso nel nostro paese era iniziata già prima della pandemia da Covid19. Nel 2019, riferisce infatti l’Istat, sono stati rilasciati 177.254 nuovi permessi di soggiorno, il 26,8% in meno rispetto al 2018. La contrazione ha interessato in maniera generalizzata i permessi richiesti per tutte le diverse motivazioni all’ingresso. Tuttavia, anche nel 2019, il calo maggiore ha interessato i permessi rilasciati per richiesta di asilo, passati da circa 51 mila e 500 nel 2018 a 27.029 nel 2019 (-47,4%).

Sono in calo anche i permessi per lavoro (-22,5%), cresciuti invece tra il 2017 e il 2018; i permessi per ricongiungimento familiare (-17,8%); i permessi per studio (-7,4%), caratterizzati da un’elevata quota di ingressi di giovanissimi (oltre il 56,5% ha meno di 25 anni) e di donne (57,9% dei flussi per studio). Anche dal punto di vista delle cittadinanze la diminuzione degli ingressi è stata generalizzata, sebbene con notevoli differenze tra esse. Il decremento dei cittadini nigeriani nel 2019 supera il 66% rispetto all’anno precedente, mentre per gli albanesi il calo è dell’8,7%. 

La Nigeria – prosegue l’Istat – passa così dal terzo posto della graduatoria generale dei nuovi rilasci al decimo. Il calo dei nigeriani è da riconnettere alla diminuzione dei permessi per richiesta di asilo che, tra il 2018 e il 2019, sfiora il 75% e fa sì che il paese, dopo quattro anni, perda il primato di ingressi per protezione internazionale a favore del Pakistan. Considerando gli ingressi con permesso per richiesta di asilo distinti per cittadinanza, a fronte di una generalizzata, anche se diversificata, tendenza alla diminuzione spicca il dato relativo al Perù, che compare per la prima volta nel 2019 tra i primi dieci paesi per questa motivazione di ingresso, collocandosi direttamente al settimo posto con oltre mille permessi (+174,5% rispetto al 2018).

Per la collettività cinese sono diminuiti in modo rilevante gli ingressi per lavoro (-51,4% dal 2018) e hanno subito una contrazione molto più elevata della media i nuovi ingressi per motivi di famiglia (-36,8%). Pressoché stabili, invece, sono i permessi per studio, che ormai interessano oltre la metà dei nuovi ingressi della collettività asiatica (nel 2018 poco più del 40% dei primi rilasci). Nel 57,9% dei casi i cittadini cinesi che entrano per studio hanno meno di 25 anni e nel 75% sono donne.

Per il Bangladesh, in controtendenza rispetto al dato generale, sono aumentati sia i permessi per famiglia (14,8%), sia quelli per studio (+21,9%). Anche per il Marocco, che registra un calo rilevante dei permessi per famiglia (-39,6%), crescono molto i permessi per studio (+45,8%) che tuttavia risultano piuttosto esigui in termini assoluti, appena 450. Il Marocco è comunque il primo paese africano per numero di permessi per studio. 

Tra il 2018 e il 2019 l’intera penisola è stata interessata dal blocco delle migrazioni. Le regioni dove il calo è notevolmente sopra la media sono Sardegna (-56,8%), Calabria (-53,4%) e Sicilia (-48,1%); quelle con le contrazioni di minore intensità – sebbene sempre rilevanti – sono Veneto (-14,9%) e Lazio (-19,4%).

 

Scrivi una replica

News

Riunione d’urgenza del Consiglio di sicurezza Onu sulla Corea del Nord

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite terrà oggi pomeriggio una riunione d’urgenza a porte chiuse sulla Corea del Nord, che ha affermato di aver…

20 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Marocco cancella i voli verso la Germania, Paesi Bassi e Regno Unito

Rabat sospende i voli verso Germania, Paesi Bassi e Regno Unito. Lo ha reso noto, via Twitter, Laila Mechbal, direttrice generale di Air Arabia in…

20 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Buckingham Palace: “La regina dovrà stare a riposo. Cancellata la visita in Irlanda del Nord”

La regina Elisabetta dovrà sottoporsi ad un periodo di riposo. A comunicarlo è stato Buckingham Palace attraverso un comunicato, nel quale viene sottolineato che la…

20 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 82,76 dollari al barile e Brent a 84,79 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 82,76 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 84,79 dollari.…

20 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia