La crisi fa crescere il numero dei Neet in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi fa crescere il numero dei Neet in Europa

Ma l’Italia resta il paese con la percentuale maggiore. Nel nostro caso soprattutto, infatti, non è un fenomeno circoscritto al periodo di emergenza

di Redazione

Il periodo pandemico ed emergenziale ha avuto come conseguenza anche quella di bloccare o almeno rallentare le attività di tutti, comprese quelle di ragazze e ragazzi che si stavano formando e entrando nel mondo del lavoro. Attualmente con le difficoltà economiche, le occasioni che i giovani avevano per entrar nel mercato del lavoro, come tirocini e stage, sono drasticamente diminuiti, mentre molte delle misure adottate in Italia, come il blocco dei licenziamenti, non ha coinvolto allo stesso modo i giovani con contratti a tempo determinato, la formula maggiormente utilizzata per i neo-lavoratori. Inoltre, il clima di incertezza ha notevolmente influito sulla fiducia che i giovani hanno nella progettazione del futuro imminente e quindi anche nella ricerca di un lavoro o di un’attività formativa.

È così che l’Italia vede incrementare di molto il numero dei Neet – i giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni che non studiano, non lavorano e non partecipano ad attività formative – la cui percentuale è arrivata nel terzo trimestre dell’anno al 20,7%. Secondo quanto emerge dall’edizione di dicembre dell’analisi trimestrale sull’occupazione e lo sviluppo sociale effettuata dalla Commissione europea, il dato italiano è il più alto tra tutti i paesi europei, a cui seguono a grande distanza Bulgaria e Spagna, paesi che rispettivamente hanno una percentuale di Neet sul totale dei giovani di 15,2% e 15,1%.  

In effetti la situazione attuale ha fatto aumentare in tutta Europa la percentuale di giovani non impegnati, che è arrivata all’11,6% nel secondo trimestre, con un incremento di 1,8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Gli aumenti maggiori del tasso di Neet sono stati registrati in Austria e Irlanda, in entrambi i paesi si è verificato un incremento del 3,4% per entrambi, e in Spagna, dove l’aumento percentuale è stato del 3,1% su base annua. In controtendenza invece la Lettonia che ha addirittura registrato una riduzione di oltre l’1% del tasso di Neet.

Nonostante il periodo e gli aumenti diffusi, è necessario sottolineare che l’alto tasso di Neet in Italia non è un fenomeno che si riscontra solo a causa dell’attuale emergenza, infatti secondo gli ultimi dati dell’Istat sul tema, pubblicati a luglio, nel 2019 l’incidenza dei giovani Neet, seppur in calo di poco più di un punto percentuale rispetto ai dati del 2018, si attesta comunque su un’alta percentuale del 22,2%, la quota più elevata tra tutti i paesi europei. In termini assoluti si tratta di due milioni di giovani under 30. L’incidenza è trasversale per tutti i titoli di studio, ma è maggiore tra coloro che hanno conseguito come livello massimo un diploma secondario superiore, il 23,4% dei quali è considerabile Neet, a seguire tra coloro che hanno la licenza media, il 21,6% ed infine anche tra i giovani che sono in possesso di una laurea, il 19,5%.

Anche la distribuzione dei Neet per fascia di istruzione, la media europea mostra notevoli differenze. In Europa l’incidenza è massima tra coloro che possiedono un basso livello di istruzione (il 14,8% è un giovane Neet), mentre si attesta su valori minimi tra i laureati, al 9%.

 

Scrivi una replica

News

Di Maio: «Ue monitori consegna vaccini agli Stati membri»

«Recentemente abbiamo avuto difficoltà nelle consegne settimanali di vaccini. Vorrei ricordare la necessità che le aziende produttrici si assumano la piena responsabilità della consegna diretta…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue agli Stati membri: «Scoraggiare tutti i viaggi non essenziali»

La Commissione europea propone che tutti i viaggi non essenziali siano «fortemente scoraggiati finché la situazione epidemiologica non sia migliorata considerevolmente». Una situazione che dovrebbe…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio a Ue: «La morte di Regeni è una ferita anche europea»

«Gentili colleghi, oggi ricorre l’anniversario della scomparsa di Giulio Regeni. Il suo barbaro omicidio è una ferita ancora aperta in Italia, ma oggi sono qui…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 99milioni di casi nel mondo

I casi di Covid-19 nel mondo hanno superato quota 99milioni. Le vittime, invece, sono oltre 2milioni.…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia