Com’è andato il Cashback di Natale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Com’è andato il Cashback di Natale

Il 1° gennaio è iniziata ufficialmente il cosiddetto Cashback, intanto i dati relativi alla sua sperimentazione durante il periodo natalizio mostrano risultati incoraggianti sull’utilizzo dei pagamenti elettronici

di Redazione

Dal Primo gennaio è iniziato ufficialmente il Cashback nella sua versione definitiva che prevede i rimborsi dei pagamenti effettuati tramite pagamento elettronico (ma non online). La misura è su base semestrale, quindi prevede tre tranche, dal gennaio al 30 giugno, dal 1° luglio al 31 dicembre 2021 e la terza dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022, tutti con previsione di pagamento entro trenta giorni dalla scadenza del periodo. Dall’inizio dell’anno all’8 gennaio i cittadini iscritti al Cashback sono oltre 6,2 milioni, per un totale di 9 milioni di nuove transazioni registrate solo in otto giorni.

Il provvedimento di rimborso sta quindi iniziando bene e promette meglio, visti i dati relativi al periodo di test (dall’8 dicembre al 31 dicembre) che si sono rivelati essere al di sopra delle aspettative.

Infatti, i dati del Governo mostrano che nel periodo sperimentale gli iscritti al Cashback sono stati più di 5,87 milioni, per l’occasione sono stati attivati 9,8 milioni di strumenti di pagamento elettronico – ad oggi ammontano ad oltre 10,6 milioni -, 7,6 milioni dei quali effettuati dall’app IO, mentre le transazioni effettuate in poco più di tre settimane sono state oltre 63 milioni, per un importo medio di 46 euro.

Circa 3,2 mila partecipanti hanno rispettato la condizione minima per ricevere il rimborso, ovvero effettuare almeno 10 transazioni elettroniche, non pagamenti online, per un valore totale di erogazioni che supera i 222,668 milioni di euro.

La misura prevedeva un rimborso massimo di 150 euro a fronte di 1500 euro spesi nel periodo di sperimentazione natalizia, perciò i dati sulle fasce di rimborso mostrano che solo il 3,1% degli aventi diritto otterranno il rimborso massimo di 10 euro, il 14,5%, corrispondente a 468.822, otterrà un rimborso compreso tra i 100 e i 149 euro, la maggior parte, il 49,6% riceverà un rimborso per un importo tra i 50 e i 99 euro, mentre il 32,8% dei partecipanti otterrà un rimborso inferiore ai 50 euro.

La buona riuscita della misura si vede, oltre che nella platea significativa di beneficiari, anche nell’ammontare di transazioni inferiori a 25 euro, che durante la sperimentazione sono state circa la metà del totale, più precisamente il 48,5%, e ciò connota il raggiungimento di uno degli obiettivi: utilizzare i pagamenti elettronici anche per acquisti di importi non elevati e quindi riuscire ad incentivare l’utilizzo della carta per le spese di tutti i giorni.

 

Scrivi una replica

News

Di Maio: «Ue monitori consegna vaccini agli Stati membri»

«Recentemente abbiamo avuto difficoltà nelle consegne settimanali di vaccini. Vorrei ricordare la necessità che le aziende produttrici si assumano la piena responsabilità della consegna diretta…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue agli Stati membri: «Scoraggiare tutti i viaggi non essenziali»

La Commissione europea propone che tutti i viaggi non essenziali siano «fortemente scoraggiati finché la situazione epidemiologica non sia migliorata considerevolmente». Una situazione che dovrebbe…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio a Ue: «La morte di Regeni è una ferita anche europea»

«Gentili colleghi, oggi ricorre l’anniversario della scomparsa di Giulio Regeni. Il suo barbaro omicidio è una ferita ancora aperta in Italia, ma oggi sono qui…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 99milioni di casi nel mondo

I casi di Covid-19 nel mondo hanno superato quota 99milioni. Le vittime, invece, sono oltre 2milioni.…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia