La crisi delle attività culturali | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi delle attività culturali

Tra dicembre 2019 e lo stesso mese del 2020 la spesa delle famiglie dedicata ai consumi culturali è diminuita del 47%, secondo l’Osservatorio di Impresa Cultura Italia-Confcommercio

di Redazione

Nelle regioni in cui è previsto un allentamento delle restrizioni è possibile, durante la settimana, ma non nei giorni festivi, riprendere alcune attività culturali, come andare alle mostre e ai musei. Tuttavia è ancora vietato l’accesso a teatri, concerti e cinema. Come moltissimi settori dell’economia, anche quello della cultura si è adattato durante tutto il lockdown alle modalità di fruizione a distanza, ma ha comunque registrato perdite elevatissime, sia a livello economico che esperienziale.

L’analisi dell’Osservatorio di Impresa Cultura Italia-Confcommercio sui consumi culturali degli italiani nel 2020, che fotografa un quadro drammatico per il settore, mostra che tra dicembre 2019 e lo stesso mese del 2020 la spesa delle famiglie dedicata ai consumi culturali è diminuita del 47%, passando da 113 euro al mese a poco più che 59 euro.

Il crollo è dovuto all’impossibilità di usufruire di alcuni servizi e quindi dalla diminuzione repentina degli spettatori: tra dicembre 2019 e settembre 2020 sono stati registrati il 90% di spettatori in meno per il teatro, l’84% in meno per il cinema e dell’89% per i concerti dal vivo. Non solo, a diminuire drasticamente sono stati anche i fruitori di mostre e musei, che hanno registrato il 62% di ingressi in meno e di festival culturali, dato il blocco anche delle fiere, dell’86%.

Gli unici comparti della cultura a mostrare dei segnali positivi, come del resto era già capitato di osservare nei mesi scorsi (un trend pressoché inevitabile) sono stati libri e giornali, i cui fruitori sono aumentati rispettivamente del 9 e del 12% su base annua, e della televisione a pagamento che registra un incremento del 37%. Infatti, dall’indagine, è emerso che un terzo degli italiani utilizza prevalentemente piattaforme streaming a pagamento a testimonianza di un crescente interesse per questo tipo di offerta rispetto a quella della tv generalista.

 

1 Commento per “La crisi delle attività culturali”

Scrivi una replica

News

Coronavirus: contagi in aumento per la terza settimana, in crescita anche le intensive e i ricoveri

Contagi in crescita (da 160.829 a 244.353, +51,9%) per la terza settimana di fila. Così la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Premio Nobel per la Letteratura 2022 a Annie Ernaux

Annie Ernaux, 81 anni, ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2022 «per il coraggio e l’acutezza clinica con cui svela le radici, gli…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Consiglio Europeo adotta le nuove sanzioni contro Mosca

«Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a rafforzare la pressione sul governo e sull’economia russa, a indebolire le capacità militari della Russia…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Usa:«Basta con questo atteggiamento provocatorio»

«Il nostro messaggio alla Corea del Nord: basta con l’atteggiamento sconsiderato, provocatorio e che porta all’esclation. Torni al dialogo». E’ quanto si legge nel twitt…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia