Smart working: chi l’ha adottato e quanto ha funzionato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Smart working: chi l’ha adottato e quanto ha funzionato

Le imprese che lo utilizzano sono sono aumentate dal 28,7% del 2019 all’82,3% del 2020. Lo strumento ha consentito di limitare l’impatto negativo su produzione, fatturato e occupazione

di Redazione

Secondo quanto emerge da un paper di Bankitalia, le imprese che utilizzano lo smart working e il lavoro da remoto (pratica che si è diffusa a causa dell’emergenza sanitaria) sono aumentate dal 28,7% del 2019 all’82,3% del 2020, per 1,8 milioni di lavoratori nel settore privato, cioè il 14,4% del totale, quando nel 2019 erano solamente 200 mila. Le condizioni hanno portato un largo utilizzo del lavoro da remoto, con un incremento ancora più evidente anche nella pubblica amministrazione, dove la percentuale di lavoratori che hanno lavorato in modalità smart almeno una volta a settimana è passata dal 2,4% del 2019 al 33% del secondo trimestre del 2020.

Dal report emerge che ad usufruire di più dello smart working sono state le donne, i dipendenti di grandi imprese e i lavoratori più istruiti, mentre risulta minoritario tra coloro che non svolgono occupazioni adattabili al telelavoro. Come spiega la Banca d’Italia lo smart working applicato in questo periodo di emergenza ha consentito di limitare l’impatto negativo su produzione, fatturato e occupazione delle imprese, e inoltre sottolinea che in media i dipendenti in smart working hanno lavorato più ore, il 6% in più, con relativi aumenti di straordinario e di ore pagate e, come altro effetto positivo sul reddito, hanno fatto meno ricorso alla Cassa integrazione rispetto a quelli che non hanno usufruito del telelavoro.

Lo smart working è stato quindi utile per mantenere costanti i livelli occupazionali e ha anche permesso di mantenere l’isolamento sociale necessario come misura di contenimento del virus. Oltre a questi vantaggi, lo smart working ha permesso di ridurre, rispetto al 2019, il divario di utilizzo della modalità agile tra Nord e Sud e tra settori di produzione.

 

Scrivi una replica

News

Elezioni, terza proiezione Tecnè per la Camera

La terza proiezione Tecnè-Mediaset per la Camera, con una copertura pari al 37% del campione.…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, ottava proiezione Tecnè per il Senato

L’ottava proiezione Tecnè-Mediaset per il Senato, con una copertura pari al 76% del campione.…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, seconda proiezione Tecnè per la Camera

La seconda proiezione Tecnè-Mediaset per la Camera, con una copertura pari al 27% del campione.…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Elezioni, settima proiezione Tecnè per il Senato

La settima proiezione Tecnè-Mediaset per il Senato, con una copertura pari al 70% del campione.…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia